Home / Aneddoti sull'arte / Furto della Gioconda – “La Gioconda ritrovata” (parte 2)
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il recupero della Gioconda avvenuto cent'anni fa nel 2013

Furto della Gioconda – “La Gioconda ritrovata” (parte 2)

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

INTERVISTA – SECONDA PARTE – PER ACCEDERE ALLA PRIMA PARTE CLICCA IL NOSTRO LINK INTERNO, QUI SOTTO

www.stilearte.it/mio-padre-il-ladro-della-gioconda/

di Costanzo Gatta

x_20

Suo padre, dal 21 agosto 1911 al 13 dicembre 1913, dove nascose la Gioconda?
A Parigi, in rue de l’Hopital Saint Louis, sotto un piccolo tavolo, lo stesso sul quale un distratto poliziotto aveva redatto il verbale di perquisizione della stanza.

Come portò il quadro in Italia?
In valigia, fra la biancheria sporca, che i doganieri non guardarono.

E’ vero che aveva lasciato impronte digitali sul vetro di protezione?
Sì. Se la Sureté le confrontava con quelle d’archivio sarebbe risalita a papà, che in passato aveva avuto due piccole noie con la giustizia.

Ne avevano 750mila da controllare. Un po’ difficile, non le pare?
Non è così. In realtà, pensarono che il furto potesse servire alla Germania per distrarre l’opinione pubblica. Tra Parigi e Berlino c’era tensione per la questione del Marocco.

Sospetti sugli italiani?
A fine settembre due poliziotti ispezionarono la collezione del signor Spiridon di Roma. Fra il 1911 e il 1913, quando un italiano (anche della nostra valle) rientrava dalla Francia, i Carabinieri gli perquisivano la casa a sorpresa.

Quali altre false piste ricorda?
Ipotizzarono un furto su incarico di un miliardario americano.

Parigi fu passata al setaccio?
Sì. Scaricarono persino il carbone dalle locomotive dirette all’estero.




Perché suo padre andò a Londra?
Nel 1913 scrisse all’antiquario Duwen, firmandosi Vincent Leonard. Chiese un incontro, ma quello se ne liberò presto. Si rivolse allora ad Alfredo Geri di Firenze, al quale scrisse il 29 dicembre con lo stesso nome di fantasia. Il contatto funzionò.

Peruggia al banco degli imputati

Peruggia al banco degli imputati

 

Fu un processo chiaro o con lati oscuri?
I difensori d’ufficio (papà non poteva pagare legali di fiducia) chiesero, non ascoltati, il rilascio.




Con quali tesi?
Primo: il “furto” era avvenuto in Francia. La costituzione di parte lesa del governo francese era illegittima in quanto iniziativa personale dell’ambasciatore di Francia a Roma e non dietro richiesta del suo governo. Secondo: l’accusa di estorsione era infondata: papà riconsegnò la Gioconda senza condizioni, chiedendo solo il riconoscimento di un qualsiasi beneficio.

Cosa pensa?
Fu condannato, credo, perché c’era di mezzo la politica.

In che senso?
C’era un contenzioso per via di due navi francesi sequestrate dalla nostra marina, che sospettava un contrabbando di armi a favore della Turchia durante la guerra di Libia. Condannando mio padre si intese non inasprire tale contenzioso.

Sua madre Annunciata, morta nel 1978, non le parlò mai del fatto?
Mi disse solo di quando papà la portò al Louvre. Davanti alla Gioconda disse in dialetto: “Marciranno le tegole del tetto ma il mio nome rimarrà scolpito nei secoli”.

Il suo desiderio?
Che la memoria di mio padre non sia ancora infangata con menzogne.

E’ già accaduto?
Sì. Con lo sceneggiato tv. Se venisse riproposto nel clima degli anniversari non vorrei rivedere papà presentato come un ubriacone che muore dimenticato in Savoia. Non accetterei inesattezze che toccano la mia onorabilità e quella di mia madre. Mi riferisco a chi lo fece morire 12 anni dopo facendo risultare mia madre bigama.

Una sua considerazione?
Papà ha pagato il suo sbaglio, ha fatto il suo dovere di soldato, ha lavorato onestamente. Penso che la sua memoria non debba essere profanata.


Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video