Home / News / La guerra di Umberto Boccioni. L’amore per i cavalli. E la sua morte provocata da una caduta da sella
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Umberto Boccioni, “Carica di lancieri”, 1915, tempera e collage su carta, 32x50 cm.
Umberto Boccioni, “Carica di lancieri”, 1915, tempera e collage su carta, 32x50 cm.

La guerra di Umberto Boccioni. L’amore per i cavalli. E la sua morte provocata da una caduta da sella


di Enrico Giustacchini

UN QUADRO IN 30 RIGHE – La guerra, che felicità. Bum, bum, tuonano i mortai. Fii, fii, sibilano le granate. Ta-ta-ta-ta, crepita la mitraglia. E i cavalli? I cavalli si adeguano, nel paradiso dei combattenti futuristi.

Qui ogni cosa è movimento, forza, dilatazione e compenetrazione. Qui, sul campo di battaglia come sulle polverose piste dove sfrecciano gli automobili dai motori arrembanti, come nei cieli bassi solcati da velivoli con le ali di carta. La vita è un gioco, allegro e rumoroso. Così la guerra: un gioco da giocare in corse temerarie e beffarde.

E i cavalli? I cavalli si adeguano, in questo conflitto mondiale dove la macchina sembrerebbe farla da padrona. Fra carri corazzati, obici incommensurabili e inquietanti maschere antigas, c’è posto anche per loro, per i loro garretti saldi e le froge nervose. Basta dimenticarsi d’esser bestie per diventare – appunto – macchine.Eccoli dunque galoppare alla carica, reggendo in arcione gli impavidi lancieri. Tutto intorno – l’aria, la terra – esplode con essi, nel medesimo, irrefrenabile tripudio dinamico.

La guerra, che felicità, esulta Boccioni. Ha scelto, con i suoi amici futuristi, di partire per il fronte. Ma non smette di disegnare e di dipingere. Continua ad amare i cavalli, macchine frementi, dai muscoli d’acciaio. Capaci di percuotere lo spazio, mentre lo spazio si frantuma in miliardi di schegge raminghe.Destino vuole che sia proprio un cavallo a fermargli la vita. Durante un’esercitazione equestre, Boccioni cade di sella. E’ ferito gravemente; morirà quasi subito, il 17 agosto 1916.

La guerra continua senza di lui, per altri due anni. Che gioco meraviglioso, si ostinano a ripetere gli amici futuristi, mentre in tutta Europa i soldati muoiono come mosche, sventrati dalle baionette o allappati dal fango delle trincee. La guerra, che felicità.

Umberto Boccioni, “Carica di lancieri”, 1915, tempera e collage su carta, 32x50 cm. L’opera è presente alla mostra  “Alice nel castello delle meraviglie” allo Sforzesco di Milano

Umberto Boccioni, “Carica di lancieri”, 1915, tempera e collage su carta, 32×50 cm

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica