Home / Mostre Extraeuropee / La Madonna di Senigallia approda a New York sotto l’attenta vigilanza del Comando dei Carabinieri
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La Madonna di Senigallia approda a New York sotto l’attenta vigilanza del Comando dei Carabinieri

Il Console Generale Natalia Quintavalle  con il Col. Luigi Cortellessa

Il Console Generale Natalia Quintavalle
con il Col. Luigi Cortellessa

Nell’ambito del programma riguardante l’anno della cultura italiana negli USA, il celebre capolavoro di Piero della Francesca (1411-1492), la “Madonna di Senigallia”, dopo essere stato esposto presso il Museum of Fine Arts di Boston, sarà ospite, dal 13 gennaio sino al 30 marzo 2014, del Metropolitan Museum of Art di New York.
Il capolavoro, trafugato nel 1975 dal Palazzo Ducale di Urbino (PU) e recuperato l’anno successivo a Locarno (Svizzera) dai Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, ha avuto il posto d’onore in una mostra dedicata al grande interprete del Rinascimento italiano. Per la prima volta sarà possibile ammirare insieme: il “San Girolamo e un donatore”, il “San Girolamo in un panorama”, la “Madonna con il Bambino” e il dipinto recuperato dall’Arma.

L’eccezionale evento espositivo è stato presentato alla stampa americana con una conferenza svolta nel Museo e una cerimonia all’Istituto italiano di cultura, nel corso delle quali il Col. Luigi Cortellessa, Vice Comandante del C.do Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, ha illustrato l’impegno e le attività svolte a livello nazionale ed internazionale del Reparto specializzato dall’Arma.

Le due iniziative hanno riscosso uno straordinario successo fra i numerosissimi presenti ed hanno costituito occasione per ricevere attestazioni di stima nonché ribadire la riconosciuta primazia del Comando CC TPC in ambito internazionale nella tutela dei beni culturali.


IL FURTO DELLA MADONNA DI SENIGALLIA

Il furto al Palazzo Ducale di Urbino

Il furto della Madonna di Senigallia avvenne il 5 febbraio 1975; trafugata insieme ad un’altra opera di Piero della Francesca, La Flagellazione di Cristo, e il ritratto di nobildonna di Raffaello. Il crimine è stato perpetrato al Palazzo Ducale di Urbino, considerato a quei tempi  uno dei musei più sicuri d’Italia . Tuttavia, i ladri hanno approfittato di ponteggi a fianco del Palazzo per irrompere nella galleria, scalando pareti, rompendo finestre e utilizzando chiavi falsificate.

Dopo più di un anno di indagine, la Squadra Arte dei Carabinieri ha ricevuto informazioni da un commerciante d’antiquariato romano che li ha portati alla Svizzera . Fingendosi acquirenti facoltosi hanno messo in scena una finta trattativa con i sospetti. L’incontro non ha avuto luogo , ma i capolavori sono stati trovati in un hotel a Locarno il 23 marzo 1976. Dopo il recupero dei dipinti , quattro persone sono state arrestate in Italia , Germania e Svizzera e i dipinti sono stati restituiti a Urbino il 29 marzo 1976.

Il ritrovamento delle opere

Il recupero della Madonna di Senigallia è stata una pietra miliare per la Squadra Arte , formata nel 1969 per proteggere il patrimonio artistico in Italia . Parte del Ministero della Cultura , l’unità è stata la prima al mondo dedicata esclusivamente alla lotta contro i furti d’arte e di falsificazione . Ora con 280 ufficiali , la Squadra Art opera in Italia e all’estero con INTERPOL e l’UNESCO per proteggere e trovare le opere rubate . Fin dalla sua istituzione , l’unità ha salvato circa un milione di oggetti archeologici dal mercato nero , recuperato più di 500.000 opere d’ arte e sequestrato quasi 300.000 falsi.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista