Home / News / La ricerca del tesoro di Alarico nel fiume, tra indizi, burocrazia e tanta speranza
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La ricerca del tesoro di Alarico nel fiume, tra indizi, burocrazia e tanta speranza


alarico 3

La Soprintendenza ha bloccato ogni lavoro di ricerca del favoloso tesoro di Alarico, ricerca promossa dagli enti locali. L’opposizione della Soprintendenza era prevedibile in un Paese estremamente conflittuale come l’Italia, nella quale anzichè individuare possibilità di collaborazione, ogni potere pone un veto agli altri poteri, vanificando e rendendo pericolosa qualsiasi iniziativa.
Ricerche sistematiche, con strumentazoni di rilievo, erano in corso a Cosenza, nei pressi del letto del fiume Busento, dove secondo narrazioni leggendarie, sarebbe stata scavata la tomba del re dei Visigoti Alarico, dotata, si dice, di un ricco corredo funebre, in parte composto da quelle 25 tonnellate d’oro e 150 d’argento che era il tesoro accumulato dalla popolazione barbarica, durante l’invasione e il sacco di Roma. Alarico, nel 410, dopo aver devastato la capitale dell’impero, scendeva a Sud, alla ricerca di grano per sfamare il proprio popolo e si accingeva ad attraversare il mare, diretto in Africa, quando, a Reggio Calabia, fu bloccato da tempeste che avevano distrutto le prime imbarcazioni che avevano tentato la partenza. Si fermò così in Calabria, in attesa che le condizioni migliorassero o comunque decise di temporeggiare e forse a riconsiderare l’idea della traversata, comunque pericolosissima per un popolo che non conosceva il mare. Evidentemente stava affrontando una manovra di ripiegamento perchè aveva lasciato la costa e si era portato più a Nord. A Cosenza fu colpito da una malattia e morì. A questo punto, secondo le narrazioni, sarebbe stata costruita una tomba inviolabile. Gli schiavi avrebbero deviato a monte il corso del fiume Busento, avrebbero scavato una camera sepolcrale, dove sarebbe stato calato il re con il corredo funebre. Sigillata la camera dell’ipogeo, i visigoti avrebbero ripristinato il corso del fiume, creando la perpetua inviolabilità della tomba. Com’è noto, letteratura e leggende tendono a rielaborare, magari amplificando, notizie reali. Così, per quanto lontane, si tende a valutare un nucleo di verità in quelle leggende. Con una parte dei fondi finalizzati alla sistemazione delle sponde del corso d’acqua, il Comune calabrese ha pertanto deciso di incaricare esperti di ricerche sotterranee, coadiuvati da volontari. Le strumentazioni hanno già evidenziato in alcuni punti la presenza di antichi muri e cavità, come è testimoniato nel filmato di Telecosenza.

Un'incisione ottocentesca illustra la sepoltura di Alarico nel letto del Busento

Un’incisione ottocentesca illustra la sepoltura di Alarico nel letto del Busento

La presenza di murature e di elementi architettonici regolari, rilevati dalle strumentazioni in un punto del fiume

La presenza di murature e di elementi architettonici regolari, rilevati dalle strumentazioni in un punto del fiume

La vicenda di Alarico ebbe una vasta risonanza nell’Ottocento, quando il poeta August von Platen-Hallermünde scrisse Das Grab im Busento, (La tomba nel Busento) con una rappresentazione romantica della morte e della sepoltura di Alarico. Il brano fu tradotto da Giosuè Carducci. La storia del re del Nord che aveva schiacciato Roma e l’Impero contribuì, con altro materiale mitico, ad alimentare il mito delle virtù guerriere della Prussia prima e della Germania, poi. Nella seconda metà degli anni trenta Heinrich Himmler visitò la zona, con gli uomini della Ahnenerbe, i cacciatori nazisti delle radici ariane. Il mito di Alarico nell’ideologia nazista era di grande importanza. Goebbels elencava il tesoro del re barbaro come simbolo irrinunciabile del Reich. Il capo dell’SS era sceso in Calabria per controllare una archeologa francese, Amélie Crevolin che voleva dragare fino a otto metri sotto il ponte di Laurignano. Da allora, pur con le limitazioni imposte da una legge che punisce scavi e ricerche abusive, il tesoro è stato cercato soprattutto sulle sponde del fiume, ma non è stato oggetto di un lavoro scientifico.
Molto interessato agli sviluppi della vicenda si è dichiarato anche il politologo americano Edward Luttwak, che rimprovera all’Italia di non incentivare la ricerca di tesori con la concessione di una percentuale e che suggerisce il coinvolgimento del governo israeliano per l’utilizzo di elicotteri dotati di una strumentazione segreta, in grado di individuare armi e metalli, anche a considerevole profondità, nel sottosuolo.



Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Trasparenze e luci fotografiche dell’eros negli acquerelli di Steve Hanks. Il filmato

Schad: Il ritratto “romano” dell’amante, Fornarina del Ventesimo secolo