Home / Arte contemporanea / La scultura di Kafka che si compone e si disfa. Opera di David Cerny. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La scultura di Kafka che si compone e si disfa. Opera di David Cerny. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995


a franz

David Cerny ha realizzato una scultura composta da 42 lastre d’acciaio, tagliate, ognuna delle quali ruota in modo autonomo. L’opera, omaggio al grande scrittore Franz Kafka, è stata collocata nell’area del Quadrio Business Centre, a Praga, nella Repubblica Ceca. Al di là della ricerca di un effetto di mobilità, che diviene ossessivo per ogni oggetto della civiltà contemporanea, la scultura rappresenta anche le sfaccettature infinite di Kafka e dell’uomo del Novecento, che riescono ad essere se stessi solo per un istante, quando le diverse componenti del quadro psicologico e il destino-caso si allineano.


Cerny (1976) è uno scultore che ha lavorato molto sull’ironia e sulla provocazione politica. Ma sempre con una poesia dissacrante, come avviene nell’inglese Banksy. Egli è balzato sul palco della cronaca nel 1991 dipingendo di rosa un carro armato sovietico, a memoria del secondo conflitto mondiale. Venne arrestato e forzatamente liberato per la pressione dell’opinione pubblica, poichè il suo gesto fu dilatato provocatoriamente da analoghe azioni compiute da 12 parlamentari.
David Cerny, a Praga, ha portato i Tower Babies, sculture che rappresentano bambini mentre si arrampicano sulla Žižkov Television Tower.
Nel 2005 Cerny ha creato Shark, un’opera presentata alla Biennale di Praga e costituita dal corpo di Saddam Hussein immerso in una vasca di liquido, che fa il verso alla celeberrima The Impossibility of death in the mind of Someone Living (1991) del Brit Artist Damien Hirst. Nel 2006 Shark è stata rifiutata per ben due volte, prima in Belgio, poi in Polonia, dove si è temuto che l’opera potesse turbare eccessivamente il pubblico, soprattutto quello musulmano.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

x

Ti potrebbe interessare

a gillo copertina

Gillo Dorfles compie domani 107 anni. Storia di un uomo prodigioso. Le opere

a scultura

L’arte cinetica di Varol Topac. Il legname fluttua magicamente come alghe sui coralli