Home / News / La storia e le opere di Eros Kara Pintor. Per i francesi fu “le maitre italien de l’acquerelle”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La storia e le opere di Eros Kara Pintor. Per i francesi fu “le maitre italien de l’acquerelle”

Un artista nel disegno e nella pittura; un uomo dal talento sorprendente che ha saputo esprimere con successo nella pittura, nella grafica pubblicitaria e nel fumetto; “le maitre italien de l’acquerelle”, come è stato definito dai critici francesi.

Eros Kara Pintor è originario di Nuoro; nasce nel 1929. Ben presto si trasferisce a Milano per completare gli studi artistici, per poi dirigersi verso Roma, dove inizia a lavorare a Cinecittà prima come scenografo, poi realizzando manifesti cinematografici per le grandi case di produzione. Sono suoi, tra gli altri, i poster dei celebri film “La romana” e “Sinuhe l’egiziano”.

Nel 1959 rientra in Sardegna e fonda Mediterranea, la prima rivista a colori della Sardegna. Negli anni ’60 si tuffa nuovamente nella pittura: espone in Italia ed all’estero ed illustra con i suoi disegni importanti libri per ragazzi delle affermate case editrici Amz e Boschi.
Dipinge anche il ritratto ufficiale del Presidente della Repubblica On. Segni, ora esposto in Quirinale.

Nel 1970 si dedica al fumetto e lavora come cartonist per la casa editrice Universo. Avvia quindi la casa editrice “Blu” e pubblica il primo fumetto italiano di fantascienza “Kirk killer” ed “I tascabili blu”. Crea anche la prima rivista italiana sulla tecnica del fumetto: “L’ABC del fumetto”.
Finanzia anche parte della stampa “underground” milanese, in particolare la rivista “Fallo”, e nel 1974 fonda a Roma “Con noi”, primo tentativo di una rivista gay popolare.

Sono passati solo pochi anni che chiude tutte le sue attività per dedicarsi nuovamente alla pittura. Lascia la grande città e si rifugia a Vigoleno, piccolo borgo tra Parma e Piacenza. Da questo momento riprende la tecnica dell’acquarello che aveva appreso da ragazzo ed inizia a realizzare mostre tra l’Italia e la Francia, trasferendosi spesso nella capitale parigina. Sempre in movimento, nel ’94 torna nella sua Sardegna, dove vi rimane solo pochi anni. Ritorna infatti a Parigi, a Montparnasse, dove scompare l’11 Marzo del 2011.

Durante la Fiera di San Benedetto, dal 7 al 10 luglio, a Leno, in provincia di Brescia, in Villa Badia è presentata una mostra antologica di questo straordinario artista. In esposizione i suoi acquerelli, realizzati fra la metà degli ’80 e l’inizio degli anni ’90. Opere dalle quali traspare una tecnica impeccabile.

Contatti:
tel. 331-6415475
mail: info@fondazionedominatoleonense.it

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica