Home / Corso di pittura on line gratis / La tecnica di Francis Bacon e la profanazione delle fotografie. L’urlo del Papa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La tecnica di Francis Bacon e la profanazione delle fotografie. L’urlo del Papa


Aggressivo, tormentato da un dolore profondo, iconoclasta. Francis Bacon, con un taglio violentemente neo-espressionista, aveva raccolto l’Urlo di Munch proiettandolo nel disfacimento novecentesco dei corpi e delle anime, votati al nulla. Questo dolore senza possibilità di requie e la consumazione della figura, che diviene parziale e mostruosa, colpita dal disfacimento, diviene espressione dell’abisso del secolo degli Abissi.

Bacon riporta, in un periodo dominato dall’arte astratta o dal colorato consumismo della pop art, la figura al centro dell’osservazione e coglie un fenomeno che egli ritiene irreversibile: il decadimento dell’uomo – che non è solo decadenza – raffrontandolo, spesso, con l’umano titanismo della pittura rinascimentale e post-rinascimentale. Di particolare interesse, come potremo vedere nel filmato, è la tecnica del pittore britannico che diviene atto di disvelamento palese d’ogni suo pensiero.

Egli sceglie o scatta fotografie che deturpa, incide, sottopone a un rito di consumazione antropofaga; con violenza che prefigura, nel foglio abraso, sfregiato e stropicciato, lo sviluppo della stesura pittorica che si agglutina per eccesso, creando una massa che fugge dalla forma o viene fratta da tagli o lacerazioni. Il senso è molto chiaro, come nell’Urlo di Munch: la perdita del Senso, il crollo del soprannaturale, il panico e l’orrore dell’esistenza, ma al tempo stesso,in Bacon, la nostalgia e l’odio nei confronti di un’epoca nella quale l’uomo era al centro del cerchio vitruviano.

Il dominio di Innocenzo X, nell'ambito del ritratto che fu dipinto da Velazquez, citato da Francis Bacon nel proprio dipinto, si trasforma qui in caduta nel vuoto e in urlo. Lo stesso Papa non solo dubita di tutto, ma si apre alla disperazione. Oltre a citare Velazquez, maestro della divina compostezza dell'uomo, Bacon ricorda l'urlo di Munch, ma attraverso il grido di un'anziana donna, nel fotogramma tratto dal film La Corazzata Potemkin. Il volto del papa p dipinto soltanto a metà e la delineazione di strisce verticali conferiscono alla figura un senso di caduta nel vuoto

Il dominio di Innocenzo X, nell’ambito del ritratto che fu dipinto da Velazquez, citato da Francis Bacon nel proprio dipinto, si trasforma qui in caduta nel vuoto e in urlo. Lo stesso Papa non solo dubita di tutto, ma si apre alla disperazione. Oltre a citare Velazquez, maestro della divina compostezza dell’uomo, Bacon ricorda l’urlo di Munch, ma attraverso il grido di un’anziana donna, nel fotogramma tratto dal film La Corazzata Potemkin. Il volto del papa è dipinto soltanto a metà e la delineazione di strisce verticali conferiscono alla figura un senso di caduta nel vuoto

L'uso della fotografia, prima della stesura del quadro. Bacon conferisce un tempo lungo all'otturatore per cogliere il movimento del volto in strisciata. Poi interviene sulla stampa con violenza,prefigurando, in questo modo, la realizzazione del dipinto. Una tecnica singolare e particolarmente efficace. E' possibile cogliere in questo atto qualcosa di simile alla profanazione dell'unità di un'immagine sacra

L’uso della fotografia, prima della stesura del quadro. Bacon conferisce un tempo lungo all’otturatore per cogliere il movimento del volto in strisciata. Poi interviene sulla stampa con violenza, prefigurando, in questo modo, la realizzazione del dipinto. Una tecnica singolare e particolarmente efficace. E’ possibile cogliere in questo atto qualcosa di simile alla profanazione dell’unità di un’immagine sacra

La fotografia viene sottoposta a tagli e lacerazioni, prima di divenire matrice dell'opera pittorica

La fotografia viene sottoposta a tagli e alacerazioni, prima di divenire matrice dell’opera pittorica

bacon

NEL FILMATO: IL RAPPORTO DI FRANCIS BACON CON LA FOTOGRAFIA COME MODELLO

SAI CHE LE QUOTAZIONI DEI QUADRI DI BACON SONO CONTRASSEGNATE DAI RECORD? E’ SUO IL QUADRO PAGATO PIU, IN ASSOLUTO, AL MONDO. GUARDA QUI, GRATUITAMENTE, I RISULTATI D’ASTA, CLICCANDO IL NOSTRO LINK INTERNO

http://www.stilearte.it/trittico-di-bacon-che-ritrae-freud-il-quadro-piu-pagato-del-mondo/

FREE. ECCO IL NOSTRO CORSO GRATUITO DI PITTURA ON LINE.  TUTTI I SEGRETI DEL MESTIERE, LE TECNICHE, LE IDEE PER IMPARARE, PERFEZIONARSI, APPRENDERE DAI GRANDI MAESTRI DELLA STORIA DELL’ARTE. UN VIAGGIO UNICO E SENZA ALCUN COSTO. CLICCA SUL LINK BLU, QUI SOTTO

www.stilearte.it/category/corso-di-pittura-on-line-gratis/

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista