Home / News / La venditrice di noccioline che volle una splendida scultura funebre
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La venditrice di noccioline che volle una splendida scultura funebre


Lorenzo Orengo, Monumento di Caterina Campodonico, 1881, marmo di Carrara, Genova, Cimitero Staglieno, porticato inferiore a ponente

Lorenzo Orengo, Monumento di Caterina Campodonico, 1881, marmo di Carrara, Genova, Cimitero Staglieno, porticato inferiore a ponente

Nello splendido cimitero Staglieno di Genova, che per il suo impianto naturalistico è avvicinabile ai complessi monumentali funerari del nord Europa, è conservata la memoria di un’intera città, innalzata alla grandezza da celebri scalpelli, come, per esempio, Giulio Monteverde, Santo Varni, Augusto Rivalta e Lorenzo Orengo. In esso hanno trovato la pace senza tempo Giuseppe Mazzini, Nino Bixio, Mary Constance Wilde, moglie di Oscar Wilde, i genitori di Goffredo Mameli e per arrivare più vicino a noi anche Fabrizio De Andrè. Ma chi entra e ne percorre silenziosamente le lunghe arcate o passeggia tra i viali collinari non può non far visita e recare omaggio a Caterina Campodonico, ritratta nel 1881 dal già citato Lorenzo Orengo, massimo interprete genovese di quel “realismo borghese” presente nella statuaria di fine Ottocento e primi decenni del Novecento. Ma chi era Caterina Campodonico? nocciolina   Era una semplice e umile donna del popolo che, per vivere, vendeva ai passanti collane di noccioline e ciambelle. Cercava di spendere il meno possibile dei  soldi che guadagnava, perché aveva un sogno, un sogno importante che l’avrebbe resa immortale: desiderava che le fosse scolpito un monumento che la raffigurasse e che questo monumento fosse posto a Staglieno, tra le tombe dei nobili e dei borghesi. Caterina riuscì a far avverare questo suo desiderio prima ancora di morire; commissionò ella stessa a Lorenzo Orengo l’opera e ne seguì personalmente le fasi di realizzazione. noccciolina Staglieno_Genova_guida (7)   Le leggende orali, entrate a far parte della storia collettiva, narrano che Caterina si recasse spesso a far visita al suo monumento e che ammirasse la grande cura e maestria con cui era stata scolpita in ogni singolo dettaglio. Il valente artista infatti era stato in grado di imprimere all’algido marmo la consistenza e l’effetto materico dei tessuti, dal vellutato scialle, al crespo macramè della veste e del pizzo del grembiule. Tra le mani Caterina, nota ai genovesi come “Cattainin dae reste”, regge  le sue collane di noccioline e le sue ciambelle, senza le quali nulla sarebbe stato possibile. Sul basamento è posta l’epigrafe del poeta dialettale Gianbattista Vigo che così recita in italiano:

Vendendo collane e ciambelle all’Acquasanta, al Garbo e a San Cipriano Con vento e sole e con acqua a catinelle per assicurarmi un pane nella vecchiaia fra i pochi soldi mettevo via quelli per tramandarmi nel tempo mentre son viva e son vera portoriana Caterina Campodonico (la paesana). 1881 Da questa mia memoria se vi piace Voi che passate pregatemi la pace

 



SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista