Home / Aneddoti sull'arte / L’affresco grande come un campo di calcio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

ape affresco

L’affresco grande come un campo di calcio



Con i suoi cinquemilacinquecento metri quadrati di superficie dipinta (pari a un campo di calcio), è considerato il più esteso affresco unitario di tutti i tempi. E’ quello che ricopre l’interno dell’enorme cupola ellittica (anch’essa da primato) del santuario di Vicoforte, in Piemonte. Lo ha realizzato il rodigino Mattia Bortoloni (1696-1750).

Mattia Bortoloni, Eolo e Giunone, particolare

Mattia Bortoloni,
Eolo e Giunone, particolare

 

Allievo di Balestra prima e aiuto di Tiepolo poi, Bortoloni fu un autore straordinario, ‘soffocato’ in vita e nella fama dall’aver operato con i titani del Settecento veneto.
Dopo aver ottenuto a soli vent’anni l’incarico di decorare la palladiana villa Cornaro, Mattia eseguì nel corso della sua esistenza numerosi affreschi, tra cui quelli per il duomo di Monza, per il santuario della Consolata e palazzo Barolo a Torino, per palazzo Clerici e palazzo Dugnani a Milano, per le chiese dei Santi Giovanni e Paolo e di San Nicolò ai Tolentini a Venezia, per Ca’ Sceriman e Ca’ Rezzonico sempre a Venezia, oltre al suo capolavoro assoluto, il già citato intervento per la cupola del santuario di Vicoforte.

La cupola del santuario di Vicoforte affrescata da Bortoloni

La cupola del santuario
di Vicoforte affrescata da Bortoloni

E’ attraverso la produzione sacra che Mattia Bortoloni si dimostra un artista dotato di estro e originalità, grazie a composizioni impaginate in modo antiaccademico, ironico, talvolta irriverente, e in controtendenza. A lui va infatti il merito di aver segnato il superamento della tradizione tardo-secentesca in largo anticipo rispetto allo stesso Tiepolo e in piena consonanza con le innovazioni di Pittoni e di Ricci.

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più