Home / Pittura antica / L’amore non è bello senza occhi a mandorla
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

7 giusta

L’amore non è bello senza occhi a mandorla


di Enrico Giustacchini

Quello degli “occhi a mandorla” è stato uno dei grandi miti del Gotico. Ma qui l’Oriente non c’entra. “Non siamo di fronte a un tratto somatico con connotazioni razziali, ma a un’invenzione deliberata e codificata” ricorda Francesca Pellegrino dalle pagine dell’accattivante Geografia e viaggi immaginari (Electa, Dizionari dell’Arte).

“L’occhio lungo è un elemento di fascino ed eleganza suadente che è poi tornato nella cosmesi anche recentissima. E lo sguardo femminile nella cultura cortese era fondamentale veicolo d’Amore”. Durante il Gotico, il bistro veniva collocato all’egizia, per rendere gli occhi lumghissimi e grandi. E poichè il trucco era utilizzato soprattutto in pubblico e durante gli incontri galanti, questi occhi ampi e lunghi erano divenuti lo sguardo dell’amore. Per questo Maria compartecipa alla visione del tempo, con occhi truccati, lunghissimi, che interpretano il profondo amore per il Bambino.Con il Rinascimento, invece, l’occhio a mandorla sparisce, travolto dai nuovi dettami estetici di classicità e proporzione.

Ambrogio Lorenzetti, Madonna del latte. Da notare che gli occhi della Vergine sono a mandorla, mentre quelli del Bimbo sono tondeggianti, a conferma che l’occhio lungo era considerato nella cultura gotica una virtù estetica prevalentemente femminile

Ambrogio Lorenzetti, Madonna del latte. Da notare che gli occhi della Vergine sono a mandorla, mentre quelli del Bimbo sono tondeggianti, a conferma che l’occhio lungo era considerato nella cultura gotica una virtù estetica prevalentemente femminile

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

lorlotto ritrdlucill#1361C5ape

Quel bel pendente sembra un gioiello, ma è un prezioso stuzzicadenti d’oro