Home / Mostre in Italia / L’arte nelle ceramiche preistoriche del Pakistan
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Piccola giara carenata
Piccola giara carenata

L’arte nelle ceramiche preistoriche del Pakistan

SIMBOLI VIVI
IL POTERE DELLE IMMAGINI NELLE CERAMICHE PREISTORICHE DEL PAKISTAN
Museo Nazionale d’Arte Orientale ‘Giuseppe Tucci’
25 Giugno – 21 Settembre 2014

BIGLIETTI
intero 6 euro; ridotto 3 euro
gratuito per i cittadini della UE minori di 18 anni e al di sopra dei 65 anni*
ingresso e servizi per persone con disabilità
*(fino al 1 luglio 2014)

Info:
+39.064697481 (centralino); +39.0646974815 (direzione); +39.0646974832 (biglietteria)

mn-ao-direzione@beniculturali.it

La mostra espone per la prima volta in Italia un cospicuo gruppo di oggetti in terracotta dipinta di età protostorica (IV-III millennio a.C.), provenienti in gran parte dal Baluchistan (Pakistan sud-occidentale). I manufatti, trafugati dal Pakistan, furono sequestrati nel 2005 in Italia dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale – Nucleo di Monza e restituiti due anni più tardi alla Repubblica Islamica del Pakistan. Accanto alle ceramiche sono esposti oggetti di vita quotidiana in metallo, terracotta e pietra e fili di perle in pietre semipreziose. La mostra, organizzata dal MNAO in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica Islamica del Pakistan e con il contributo di Eural Gnutti s.p.a., è una preziosa occasione per conoscere le civiltà che si avvicendarono nei territori dell’attuale Pakistan.

Piatto con basso orlo estroflesso

Piatto con basso orlo estroflesso

Raffinate culture si sono susseguite nel Pakistan: dagli albori del Neolitico le culture del Pakistan, tra il V e il III millennio a.C. passano allo sviluppo di culture preurbane e poi, con la civiltà dell’Indo, a forme pienamente urbane.


Le culture preurbane svilupparono nei secoli un complesso apparato di simboli geometrici, vegetali, animali parzialmente condivisi tra regioni geograficamente diverse e spesso remote.

Nel mondo delle prime città della Valle dell’Indo la costruzione di un nuovo tipo di società richiese l’elaborazione di simboli religiosi e sociali al tempo stesso, che si sono perpetuati nei millenni, mantenendo parte dei significati originali e assumendone di nuovi.

Piccola giara a corpo ristretto, a bocca ellittica

Piccola giara a corpo ristretto, a bocca ellittica

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più