Home / Arte Eros / Il disegno di Marylin Monroe. Si raffigurò nuda e scrisse il titolo: “Donna che attende con le gambe aperte”. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il disegno di Marylin Monroe. Si raffigurò nuda e scrisse il titolo: “Donna che attende con le gambe aperte”. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>


a marilin copertina

Marilyn Monroe e Boris Aronson, un geniale scenografo, si incontrarono alla fine degli anni Cinquanta, quando lei era sposata con Arthur Miller.

 

 

a marilyn

Marylin Monroe, Donna che attende con le gambe aperte,1957, sanguigna su carta, 303 x 230 mm

Marilyn realizzò un autoritratto semplice ma inequivocabile per Aronson. Un’opera rapida che voleva essere un invito esplicito nei confronti di quello che era divenuto l’amico di famiglia. Sul foglio la Monroe disegnò, con una sanguigna una figura femminile con le gambe aperte e provocatoriamente pose la didascalia. Eccone la traduzione letterale:” Per Boris – attesa – chiedendo – donna Marilyn Monroe Miller”
Nell’autobiografia di Elia Kazan, il regista riferì che, sebbene Aronson fosse stato molto colpito dallo straordinario fascino femminile e umano di Marilyn, diceva di non capire il motivo per quale Miller l’avesse sposata. Secondo Boris, al quale l’autoritratto di nudo con gambe aperte è dedicato, la Monroe non poteva essere una donna-moglie.

L'ingrandimento della dedica. L'attrice aveva forse realizzato ben prima il dipinto, ponendo alla base un'altra scritta con matita sanguigna. Poi cancellò parzialmente quelle parole, sfocandole con il dito. Sovrappose la dedica, il titolo e la firma con una penna stilograficai

L’ingrandimento della dedica. L’attrice aveva forse realizzato ben prima il dipinto, ponendo alla base un’altra scritta con matita sanguigna. Poi cancellò parzialmente quelle parole, sfocandole con il dito. Sovrappose la dedica, il titolo e la firma con una penna stilografica

 

 

a marily

Una consueta foto con dedica inviataa un fan

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più