Home / News / Le “città ideali” di Marco Petrus alla Triennale di Milano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Marco Petrus, Atlas 1, 2013, olio su tela, cm100x160
Marco Petrus, Atlas 1, 2013, olio su tela, cm100x160

Le “città ideali” di Marco Petrus alla Triennale di Milano

Dal 30 aprile al 2 giugno 2014: trenta dipinti sulle possibili geografie architettoniche della “città ideale” esposti in quello che è considerato il tempio dell’architettura, la Triennale di Milano.

Marco Petrus Atlas 4, 2013, olio su tela, cm100x200

Marco Petrus Atlas 4, 2013, olio su tela, cm100x200



La mostra dal titolo Atlas ripercorre tipologie, particolarità, scorci, simbologie e caratteristiche dello spazio urbano costruito via via da Petrus nel corso della sua indagine geografico-simbolica attraverso le diverse città del mondo, formando così un “atlante urbano” immateriale e idealmente diffuso, quasi una moderna Enciclopédie métropolitaine.

Insieme alle grandi metropoli del mondo, non mancheranno le immagini di Milano, visto il suo forte legame con il capoluogo lombardo, città in cui abita e da dove è partito il suo percorso artistico. E’ grazie, infatti, all’architettura milanese modernista, che ha trovato la soluzione per costruire, quadro dopo quadro, il suo linguaggio: una poetica della modernità in chiave contemporanea.

Marco Petrus, Atlas 3, 2013, olio su tela, cm 100x160

Marco Petrus, Atlas 3, 2013, olio su tela, cm 100×160

Da più di vent’anni, Petrus lavora sulla rielaborazione delle architetture cittadine, con una fortissima stilizzazione di elementi che tende a volte, nell’estrema ricerca di sintesi di linee e toni cromatici (tra cieli piatti e volutamente monocromi che incombono su una realtà depurata dal caos quotidiano), a sfiorare l’astrazione.
Col tempo, il suo lavoro si è sempre più schematizzato dal punto di vista compositivo e si è “raffreddato”, in un processo di graduale e progressiva sottrazione di elementi realistici o narrativi, in favore di una sempre maggiore geometria compositiva e strutturale.

Attraverso i suoi quadri prende forma un originale affresco dell’architettura moderna e contemporanea, riletta attraverso una particolare e riconoscibilissima cifra stilistica.
L’utopistico progetto di “Atlante urbano” di Marco Petrus trova così, nella mostra “Atlas”, una sua dimensione fisica, materiale e fortemente simbolica.

 Marco Petrus, Atlas 7, 2014, olio su tela, cm100x200


Marco Petrus, Atlas 7, 2014, olio su tela, cm100x200

La mostra, organizzata da Italiana in collaborazione con la Fondazione Triennale di Milano, è corredata da un catalogo, edito da Johan & Levi, con testi di Michele Bonuomo e Federico Bucci.

Marco Petrus (Rimini 1960), dal 2000 ha esposto a Santa Fe, a Milano, Mosca, Venezia, New York, Londra, Roma alternando a importanti gallerie internazionali prestigiosi spazi pubblici (lo Shanghai Art Museum, il Taipei Fine Arts Museum, Palazzo Reale a Milano o il Complesso del Vittoriano a Roma), continuando a concentrarsi, oltre che sul paesaggio urbano italiano, sui palazzi di Londra, Marsiglia, su quelli di New York, o di Shanghai, o delle altre grandi capitali europee ed extraeuropee.

Marco Petrus
Atlas
Triennale di Milano (viale Alemagna 6)
30 aprile – 2 giugno 2014

Ingresso libero

Orari: martedì-domenica 10.30–20.30; giovedì 10.30–23.00. Lunedì chiuso

Inaugurazione: martedì 29 aprile 2014 ore 19.00

Catalogo: Johan & Levi

Info: T. +39.02.72434208

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista