Home / architettura / Le Corbusier: Ville Savoye, Poissy (1928-31) spiegata dallo storico Bucci. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Le Corbusier: Ville Savoye, Poissy (1928-31) spiegata dallo storico Bucci. Il video

Una bella lezione, agile e rapida, e per questo molto efficace – è tenuta in questo video dal professor Federico Bucci, docente del Politecnico di Milano, su Ville Savoye Poissy (1928-31), in Francia, progettata Le Corbusier. Questo viaggio rapido ci consente di inquadrare i principali fenomeni del Novecento legati a una svolta del modo di progettare e di costruire, tra nette cesure con il passato e l’acquisizione di suggestioni dell’arte d’avanguardia

Federico Bucci (Foggia,1959) è professore ordinario di “Storia dell’architettura” presso il Politecnico di Milano, dove è Delegato del Rettore per gli Archivi e le Biblioteche, Prorettore
del Polo territoriale di Mantova e responsabile della Cattedra Unesco. È stato visiting professor alla Texas A&M University, all’Istituto di Architettura di Mosca, alla Universidad de Los Andes di Merida, Venezuela, alla Pontificia Universidad Catolica de Chile, alla University of Southern California di Los Angeles e all’ETSAB di Barcellona. Ha lavorato presso l’archivio dell’Albert Kahn Inc. (Detroit) e il CCA (Montrèal). È stato membro dell’American Society of Architectural Historians e ha partecipato a numerosi convegni nazionali e internazionali. Ha curato mostre sull’architettura italiana e pubblicato diversi volumi, tra cui: Albert Kahn: architect of Ford, New York 1993; Luigi Moretti. Opere e scritti, Milano 2000; Franco Albini, Milano 2010. Ha lavorato nelle redazioni di “Domus”, “Quaderni di architettura”, “Rassegna”, “L’architettura. Cronache e storia” e attualmente è redattore di “Casabella”.


COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Straordinaria pittura romana, capire gli stili di duemila anni fa

Cosa sono le grotte di Palazzo Borromeo all’Isola Bella e a cosa servivano