Home / Arte Eros / Le donne e Priapo, gioia ed estasi dei piaceri segreti nei disegni “anni Venti”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Le donne e Priapo, gioia ed estasi dei piaceri segreti nei disegni “anni Venti”

Dopo le esplosioni e i movimenti tellurici delle Avanguardie, che avevano immaginato un ordine nuovo, che nascesse dalla distruzione del passato e dalla palingenesi, conclusa la prima guerra mondiale, si assiste a un’inversione di tendenza. Le macchine futuriste sono associate agli eventi bellici, il frastuono dei cabaret dadaisti alle ribellioni sociali. Si avverte, così, la necessità di tornare alle origini, di ricostruire l’umanità con il recupero di modelli classici.

 

La ricostruzione delle anime passa attraverso il recupero del passato remoto, che coinvolge lo stesso Picasso, portatore di valori artistici che, fino a pochi anni prima e pochi anni dopo,  si collocano come elementi di sovvertimento di equilibri precari. Ma nel Venti tutti cercano lusso, calma, voluttà. Dopo la guerra, finita l’epidemia di spagnola, sepolte le povere vittime, il mondo cerca di riprendere a vivere e a sorridere. In questi anni avanza con sempre maggiore potenza il concetto di slancio vitale, indicato da Bergson come risorsa di rinnovamento vitalistico di un’umanità che ha dimenticato le proprie risorse positive. Anche il disegno erotico, in precedenza caratterizzato dal can-can di un sesso esplorato in ogni direzione, assume le linee del classicismo greco e romano. Priapo, divinità del sesso maschile, protettore dei campi e delle proprietà private, viene evocato dagli artisti affinchè eserciti una sorta di risarcimento nei confronti di un mondo femminile che non era stato risparmiato da una profonda sofferenza.

 

Ecco allora il disegnatore tedesco  (Friedrich Wilhelm Kleukens, 1878-1956), preparare una serie di potenti, divertenti, benauguranti disegni che raffigurano le segrete delizie delle signore che, per quanto ufficialmente si dichiarino, in quell’epoca, poco interessate all’eros, mostrano un travolgente trasporto per Priapo, quand’egli si manifesta con la sua turrita possanza.

 

E’ una visione del mondo fallocratica, certamente, ma al tempo  stesso il disegnatore apre una porta nei confronti della moderna concezione della sessualità. Il piacere non riguarda soltanto il maschio, ma viene reclamato e fruito dalle donne stesse. Una piccola rivoluzione presagita, sognata o forse già raccontata, sul piano di quel lontano presente, in questi impetuose e divertenti opere d’arte. (mbc)

priapo

priapo 10

 

priapo 9

 

priapo 8

 

priapo 7

 

priapo 5priapo 6

 

priapo 4

 

priapo 3

 

Un'interpretazione novecentesca dell'albero dei peni e dell'abbondanza. Croquis d’Ornikleios (Friedrich Wilhelm Kleukens, 1878-1956), publié dans Kythera, 1921

Un’interpretazione novecentesca dell’albero dei peni e dell’abbondanza. Croquis d’Ornikleios (Friedrich Wilhelm Kleukens, 1878-1956), publié dans Kythera, 1921

ACCEDI GRATUITAMENTE, CLICCANDO SUL LINK, qui sotto, ALLA NOSTRA RICCHISSIMA RACCOLTA DI STUDI E SAGGI DEDICATA AD ARTE ED EROS

www.stilearte.it/category/arte-eros/

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista