Home / Arte Eros / Le monache lascive di Magnasco, racconto dei dolci vizi nel convento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Le monache lascive di Magnasco, racconto dei dolci vizi nel convento


Alessandro Magnasco, Monache in giardino, 1740-45. L’atteggiamento languido della monaca discinta, adagiata in modo scomposto su  una sedia, non è molto lontano da quello della cortigiana più disinibita

Alessandro Magnasco, Monache in giardino, 1740-45. L’atteggiamento languido della monaca discinta, adagiata in modo scomposto su una sedia, non è molto lontano da quello della cortigiana più disinibita

La medesima vanità traspare nelle Monache in giardino, ove il senso di concupiscenza e sfrontatezza emerge in maniera più esplicita che nelle altre tele. Come suggerito dal titolo, le effigiate sono all’aperto: oltre la balaustra della terrazza si apre uno sfondo lussureggiante e rigoglioso. Accomodata su uno scranno, una discinta religiosa discorre con una giovinetta impegnata in un lavoro a maglia, mentre un’altra suora, a sinistra, vigila l’operato dell’educanda. A sottolineare l’atteggiamento effimero della monaca i fiori che le ornano la veste, appuntati sulla spalla, tipico vezzo di una donna mondana e disinvolta. Nel Parlatorio l’autore propende per un atteggiamento ancor più disincantato e smaliziato, addirittura comico: accalcate dietro alla grata del parlatorio, concitate e sguaiate, le protagoniste assistono ad un concertino offerto da alcuni gentiluomini (un suonatore tocca il violoncello leggendo lo spartito posato sullo sgabello a destra, mentre un damerino canta seguendo anch’egli il testo su un foglietto).

Alessandro Magnasco, L’acconciatura, 1740-45. Seduta di fronte ad uno specchio, una suora si fa sistemare l’acconciatura. La vanità delle protagoniste non è decisamente appropriata all’abito monacale: un abito immaginario, inventato dall’artista per non incorrere nelle ire degli ordini religiosi

Alessandro Magnasco, L’acconciatura, 1740-45. Seduta di fronte ad uno specchio, una suora si fa sistemare l’acconciatura. La vanità delle protagoniste non è decisamente appropriata all’abito monacale: un abito immaginario, inventato dall’artista per non incorrere nelle ire degli ordini religiosi

Il sentimento del pudore pare essere sconosciuto alle religiose, la cui civetteria è sfrontata ed eccessiva, tanto che si ha l’impressione che, se disponessero della vigoria fisica necessaria, non esiterebbero a sfondare l’inferriata, insuperabile ostacolo che le separa da quegli uomini piacenti. Queste opere rivelano dunque un lato oscuro, anticlericale, del Magnasco, la cui fortuna era imprescindibilmente legata – come si ricordava – alla produzione di quadri sacri? Sarebbe erroneo ipotizzare un improvviso “ripensamento” da parte del pittore, per giunta negli anni della maturità, quand’era prossimo alla morte. Si tratta piuttosto di una denuncia dai toni veementi e al tempo stesso beffardi nei confronti degli istituti di clausura, avviati nel Settecento ad un lento e inesorabile declino e accusati, prima dagli illuministi e poi dagli stessi cattolici, di essere divenuti luoghi di ozio e di consumo parassitario delle rendite.

Alessandro Magnasco, Parlatorio, 1740-45. Accanto ad un loggiato aperto alcune giovani suore, dal contegno frivolo e malizioso, assistono ad un concertino offerto da piacenti gentiluomini. Ricordiamo che, a partire dal Cinquecento, il concerto è usato in chiave allegorica per rappresentare la congiunzione sessuale

Alessandro Magnasco, Parlatorio, 1740-45. Accanto ad un loggiato aperto alcune giovani suore, dal contegno frivolo e malizioso, assistono ad un concertino offerto da piacenti gentiluomini. Ricordiamo che, a partire dal Cinquecento, il concerto è usato in chiave allegorica per rappresentare la congiunzione sessuale

 
ACCEDI GRATUITAMENTE, CLICCANDO SUL LINK AZZURRO, ALLA NOSTRA RICCHISSIMA RACCOLTA DI STUDI E SAGGI DEDICATA AD ARTE ED EROS

foto 10

 

 

 

 

 

 

www.stilearte.it/category/arte-eros/

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

L’oroscopo del banchiere Chigi, protettore di Raffaello, dipinto da Peruzzi

Capire De Pisis. La Nausea, il disfacimento, la Noia tra Sartre e Moravia