Home / News / Leonardo Maccarinelli
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Leonardo Maccarinelli

 

Nato a Vestone nel 1972, autodidatta puro, Maccarinelli non manca comunque di una solida base di preparazione culturale dovuta all’interesse profondo che lo conduce da sempre ad occuparsi assiduamente di arte, non solo praticandola, ma anche attraverso letture specifiche e lo studio dell’opera dei grandi maestri; è a questi che guarda come esempio e costante termine di paragone per portare avanti la sua ormai decennale ricerca, da sempre caratterizzata da una forte spinta al tenace miglioramento.

Proseguendo su una linea di adesione alla pittura tradizionale del paesaggio, ispirata dal senso profondo della natura che contraddistingue la sua sensibilità artistica -oltre che quella umana-, Maccarinelli documenta nei lavori qui proposti un recente innesto, soprattutto dal punto di vista tecnico, di suggestioni contemporanee che guardano sia a certi esiti del linguaggio informale, che ad alcune suggestioni di stampo metafisico, a ulteriore riprova di uno stile che non risulta costretto in schemi aridi e preconfezionati, ma che si presta a continue ridefinizioni di orizzonte sia formale che contenutistico. Sulla base di una pittura prevalentemente volta alla rappresentazione naturalistica del paesaggio, infatti il giovane artista rielabora composizioni in cui la pennellata franta e vibrante ricostruisce attraverso singolari giochi di luce, colore e chiaroscuro, una dimensione sovrapposta a quella sensoriale, legata a doppio filo ad un’interpretazione fortemente emotiva della realtà, in cu non mancano gli echi di una sottostante visione esistenziale.

Clicca sul link per aprire il PDF e leggere il testo, con immagini comparative:

[PDF] Leonardo Maccarinelli



STILE ARTE 2006

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico