Home / News / L’inconscio e il fantastico nell’arte di Franco Rinaldi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Franco Rinaldi, Sulle traiettorie del sogno, 2014

L’inconscio e il fantastico nell’arte di Franco Rinaldi

Stile arte intervista l’artista Franco Rinaldi

Iniziamo con una breve scheda anagrafica, come se leggessimo una carta d’identità. Nell’ambito dell’espressione artistica può immediatamente specificare il suo orientamento stilistico ed espressivo?
L’arte è entrata nella mia vita prestissimo,sono nato nel 1954 e comincio a 17 anni da autodidatta seguendo  alcuni maestri locali, ma presto tutto questo mi sta stretto e dopo un giro nei musei europei rivolgo il mio interesse altrove. La lettura delle opere di Kafka mi è fatale,e l’arte nella sua parte più legata all’inconscio e al fantastico diventano il mio binario dove far viaggiare il lavoro, anche se non ho una corrente precisa dove inserire il mio modo di operare, preferisco dire che è la qualità estetica del lavoro dove vanno gli sforzi maggiori,la mia corrente preferita.

Franco Rinaldi, Una lacrima sola,2013

Franco Rinaldi, Una lacrima sola,2013

Ci può raccontare imprinting visivi, immagini artisticamente ossessive, che hanno preceduto e assecondato la scelta di intraprendere la strada formativa per diventare artista?
Sembrerà strano ma è la letteratura la cosa che mi ha sempre formato come artista,anche se ho fatto un lungo viaggio da giovanissimo per vedere Van Gogh, ero affascinato dalla sua figura più che dalla sua arte,ho amato il gruppo del ponte e gli espressionisti per poi rimanere folgorato da Alberto Savinio prima eVictor Brauner con tutti i surrealisti poi.

La formazione vera e propria. Dove e su cosa ha particolarmente lavorato? Sono esistite, in quel periodo, infatuazioni espressive poi abbandonate? Come si sviluppa e si conclude – nel senso stretto dell’acquisizione dei mezzi espressivi – il periodo formativo?
Ho lavorato per un periodo su una figurazione sempre attenta, misurata, con grande qualità pittorica(frequentavo corsi serali di disegno in accademia e in studio da maestri locali molto esigenti) mi confrontavo con il paesaggio en plain air,insomma tanto lavoro per avere la padronanza dei mezzi poi il resto è venuto da solo.

Franco Rinaldi, Nel paesaggio del sogno, 2013

Franco Rinaldi, Nel paesaggio del sogno, 2013

Nell’ambito dell’arte, della filosofia, della politica, del cinema o della letteratura chi e quali opere hanno successivamente inciso, in modo più intenso, sulla sua produzione? Perché?
Ho detto prima di F.K ma mi sono sempre trovato a lavorare con poeti e scrittori dopo aver cominciato la mia produzione grafica, ho cominciato a collaborare con piccole case editrici sin dai primi anni 80 portando i miei lavori in importanti esposizioni e poi con copertine di libri, tra cui La vita Facile di Alda Merini.

Gli esordi come e dove sono avvenuti? Ci può descrivere le opere di quei giorni e far capire quanto e come le stesse – anche per opposizione – abbiano inciso sull’attuale produzione?
Ho appena terminato una mostra al Museo Diocesano di Brescia sul tema dell’angelo, bene le immagini che da ragazzo mi affascinavano erano gli angeli dipinti sulle volte delle chiese e ora escono da questa mia mostra completamente ripensati,portati nel vuoto del mistero.

Franco Rinaldi, La cortigiana, 2013

Franco Rinaldi, La cortigiana, 2013

Quali sono stato gli elementi di svolta più importanti dall’esordio ad oggi. Possiamo suddividere e analizzare tecnicamente, espressivamente e stilisticamente ogni suo periodo?
Sostanzialmente ho avuto tre periodi, il primo tonale, novecentesco ,il secondo ha portato all’interno del mio lavoro il simbolismo, il terzo che continuo tuttora con mutazioni che sono la base della mia ricerca.

Ci sono persone, colleghi, collezionisti, galleristi o critici ai quali riconosce un ruolo fondamentale nella sua vita artistica? Perché?
Nel percorso sono entrato in contatto con molti critici che mi hanno sostenuto, sarebbe difficile fare un elenco,galleristi sinceramente non ho avuto molte collaborazioni, io sono un artista solitario e schivo e mi rendo conto che questo e limitante, ma sono così.

Franco Rinaldi, Nella voliera dei sogni, 2013

Franco Rinaldi, Nella voliera dei sogni, 2013

Materiali e tecniche. Ci può descrivere, analiticamente, come nasce una sua opera del periodo attuale, analizzandone ogni fase realizzativa, dall’idea alla conclusione?
Il lavoro parte dal buio della carta o tela bianca, io dico sempre che opero togliendo l’immagine dal bianco risolvendo gli errori che incontro. Comincio chiedendomi dove quello che voglio realizzare è posizionato nel bianco della carta o tela, spesso questa fase è molto lunga e sofferta ma poi una volta che mi si mostra, l’immagine cresce velocemente, velatura dopo velatura, fino a quando anche un piccolo tratto sarebbe di troppo, e a volte mi è difficile collocare la firma senza turbare l’equilibrio. Finita l’opera, devo subito toglierla alla vista per lasciare posto alla successiva che si sta formando dentro di me.

Progetti nell’ambito espressivo e tecnico?
Io ho un sogno non realizzato, avere la committenza di uno spazio enorme da realizzare a 360 gradi, dove il visitatore entri nell’immagine e vi venga avvolto.
Ecco questo sarebbe un bellissimo viaggio che mi piacerebbe intraprendere.

Franco Rinaldi, Lacrime sparse nel sogno, 2013

Franco Rinaldi, Lacrime sparse nel sogno, 2013

Ha gallerie di riferimento? Dove possono essere acquistate le sue opere?
No  non ho gallerie di riferimento, mi sono confrontato in spazi pubblici, non ho legami commerciali.

Orientativamente, quali sono le quotazioni o comunque i prezzi delle sue opere, indicando le commisurazioni?
È difficile da dire ogni opera ha la sua vita e il suo valore.

 A parte lei – che diamo come autore da acquisire – può indicarci il nome di colleghi di cui acquisterebbe le opere nel caso fosse un collezionista?
Se posso, due, uno Savinio e poi il più grande artista vivente A.Kiefer

Eventuali indirizzi o numeri di contatto:
info@rinaldifranco.it
www.rinaldifranco.it

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Gentile da Fabriano, quando dipingi la vita come una cosa meravigliosa

Conosci la storia e l’uso propagandistico della statua della chimera? Scoprili in un minuto