Home / Mostre in Italia / Lo Studiolo del Duca. Il ritorno degli Uomini Illustri alla Corte di Urbino
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

10312732_10153114083468711zap_4322462702694091282_n

Lo Studiolo del Duca. Il ritorno degli Uomini Illustri alla Corte di Urbino


invito elettronico_low

Lo Studiolo del Duca. Il ritorno degli Uomini Illustri alla Corte di Urbino
Urbino, Galleria Nazionale delle Marche
12 marzo – 4 luglio 2015

Prezzi ingresso: intero € 12,00 / Ridotto € 9,50

Informazioni biglietteria Palazzo Ducale: +39 0722 – 322.625

Telefono: 0722 2760

E-mail: sbsae-mar@beniculturali.it


Dopo quasi quattrocento anni, uno dei luoghi più emblematici, una delle testimonianze più rare e preziose del Rinascimento italiano, lo Studiolo di Federico di Montefeltro nel Palazzo Ducale di Urbino, viene ricomposto.

Una mostra mai realizzata prima d’ora permette – dal 12 marzo al 4 luglio 2015 presso la Galleria Nazionale delle Marche – di restituire al pubblico lo Studiolo del Duca nella sua veste originaria, precedente cioè allo smembramento seicentesco dei dipinti, che completavano la decorazione di questo microcosmo intellettuale tanto denso di significati e messaggi, con la raffigurazione dei cosiddetti Uomini illustri: filosofi, poeti, scienziati, uomini di ingegno, dottori della Chiesa del lontano passato o contemporanei, chiamati a raccolta dal Duca per ispirarlo e guidarlo.

Una ricostruzione affascinante e complessa che rivela prima di tutto un tratto della storia di Urbino e un capitolo fondamentale del nostro Rinascimento.
Oggi solo la metà dei ritratti è conservata nel Palazzo
divenuto sede della Galleria Nazionale delle Marche mentre le restanti 14 tavole,
giunte dopo varie vicissitudini al Museo del Louvre nel 1863, non sono mai tornate prima d’ora in Italia.

Lo faranno in questa occasione, ricollocate nelle loro posizione originale, in una mostra curata da Carlo Bertelli, Alessandro Marchi e Maria Rosaria Valazzi, organizzata da Villaggio Globale International e Civita Cultura, promossa dalla Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici delle Marche, dalla Regione Marche e dalla Città di Urbino, con la partecipazione del Museo del Louvre .

10312732_10153114083468711_4322462702694091282_n

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico