Home / Art food / Gualtiero Marchesi – Lo zen e lo zenzero
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sapere di sapori Zen 0

Gualtiero Marchesi – Lo zen e lo zenzero

di Gualtiero Marchesi


L’idea per il piatto di questo mese mi è venuta da una performance a Laigueglia. Nell’ambito di dis/Connessione, evento prestigioso che accostava arte, musica e filosofia orientale, avevo disposto su un ampio tavolo rettangolare un letto di riso condito con olio, succo di zenzero, sale e pepe, su cui avevo adagiato una composizione di pesci e crostacei.
Il giudizio, anche estetico, dei visitatori-fruitori – che con un cucchiaio potevano liberamente attingere alla creazione – era stato assai lusinghiero, spingendomi a trasferire la performance, da me intitolata Sapere di sapori zen, nella dimensione più contenuta di un piatto.
Ecco il risultato: i volumi lievitanti sulla campitura di riso sono affidati alla plasticità di una noce di capasanta, di una coda di gambero, di due calamaretti, di un tronchetto di triglia e di una grande cozza. Cinque elementi, dispari come prescrivono i dettami zen. A raccordarli idealmente, una traccia di nero di seppia, linea guida sul bianco frastagliato del fondale.

x

Ti potrebbe interessare

a risto

16mila persone in lista d’attesa per cenare nel ristorante in cui si mangia nudi

xe

Gualtiero Marchesi, come si “impagina” un piatto pensando a Mirò