Home / arte curiosità / Lucian Freud – Storia, quotazioni e opere del nipote del fondatore della psicanalisi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Lucian Freud – Storia, quotazioni e opere del nipote del fondatore della psicanalisi

I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, IL VALORE DI MERCATO, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE – DISEGNI, QUADRI, LETTERE – DI LUCIAN FREUD, CON FOTOGRAFIE E SCHEDE. PER ACCEDERE, CLICCA QUI SOTTO. ALL’INIZIO DELLA PAGINA VEDRAI SE CI SONO OPERE DI LUCIAN FREUD ALL’ASTA IN QUESTO MOMENTO. SCENDI POI CON IL CURSORE VERSO IL FONDO DELLA PAGINA PER TROVARE I RISULTATI D’ASTA

Lucian Freud ritrae la Regina d'Inghilterra

Lucian Freud ritrae la Regina d’Inghilterra

Lucian Freud (1922-2011), come si sa era nipote di Sigmund, e come il padre della psicanalisi era, naturalmente, ebreo: per questo, dopo che Hitler salì al potere in Germania, la famiglia Freud si trasferì in Inghilterra, dove, il futuro artista nel 1939 ottenne la cittadinanza inglese. Oggi è considerato uno dei più significativi pittori dell’era contemporanea. I ritratti e i nudi erano la sua specialità: tra i soggetti scelti nel corso della sua carriera vanno ricordati gli amici, i familiari, le amanti e i bambini, temi che gli hanno permesso comunque di creare quadri sempre e puramente autobiografici. Egli si concentrò sul “paesaggio umano”, cogliendo impietosamente, da un punto di vista influenzato certamente dall’esistenzialismo, il lato oscuro, il dolore, il Nulla. Così, come Bacon, egli fu uno dei principali interpreti dell’immagine che l’uomo contemporaneo ha di se stesso, in una visione chiaramente anti-umanistica e anti-Rinascimentale.

“Tutto è ritratto” ha affermato Lucian Freud (Berlino 1922 – Londra, 2011); ed infatti egli, pur partendo dal tema del paesaggio e della natura morta – e ciò, a dire il vero, senza contraddizioni con la sua poetica -, ha abbracciato con fervore il motivo del ritratto. E sebbene si dica che l’artista non sia mai stato particolarmente interessato agli scritti del celeberrimo nonno, Sigmund Freud, egli ha sempre instaurato un rapporto molto forte con i propri modelli, sottoponendoli a numerose sedute e creando un reale, e a volte totalizzante, coinvolgimento.

Del resto lui stesso disse: “E’ quello che c’è nella testa delle persone che è importante per me”. Anche per questa ragione Freud preferì non usare modelli professionisti, ma piuttosto scegliere i soggetti tra chi apparteneva al proprio “paesaggio esistenziale” in direzione dell’affermazione secondo la quale “Il soggetto è autobiografico”. Ecco allora, lo ribadiamo, familiari, amanti, amici, figli, cani. Questi soggetti sono dunque reali, spesso colti nella verità totale della loro nudità. Ciò che conta non sono i loro nomi, ma le personalità ed il rapporto che si instaura durante le sedute con l’artista intento ad immortalarli. Non è quindi un caso che moltissimi ritratti, nel titolo, siano privi di un nome perché il pittore ha scelto di apporre un preciso codice identificativo soltanto relativamente ai dipinti nei quali sono effigiate persone celebri: da John Minton a Frank Auerbach, da Francis Wyndham a Francis Bacon.

“Francis Bacon”

“Francis Bacon”

 

E proprio quest’ultimo, incontrato per la prima volta nel 1944, esercitò una profonda influenza su Freud che di lui disse “La sua opera mi impressionava, ma la sua personalità mi avvinceva”. Benché i due fossero per alcuni aspetti molto distanti, una caratteristica li accomunò sempre: entrambi erano infatti incredibilmente ossessionati da sé, e ciò li spinse a dar vita a numerosissimi autoritratti. Autoritratti realizzati da Freud con grande difficoltà ed impegno, perché il pittore doveva, oggi come ieri, sforzarsi di dipingere se stesso come se fosse un’altra persona, estraniato da sé.

“The brigadier”

“The brigadier”

Sembra trasparire uno sguardo interrogativo sul volto di colui che, per il momento, sta mantenendo quanto precedentemente affermato: “Voglio dipingere me stesso fino al giorno della mia morte”. Celebre è il ritratto che Lucian Freud donò alla Regina Elisabetta II. Nel Duemila la sovrana gli aveva chiesto di ritrarla, così come nei secoli passati, grandissimi pittori avevano ritratto i suoi predecessori (Enrico VIII è stato immortalato da Holbein, Carlo V da Tiziano, Carlo I da Van Dyck). E così Freud fu costretto a derogare dall’abitudine, secondo la quale realizzava i propri ritratti sempre nell’atelier, e si recò a St. James’s Palace tra il maggio del 2000 e il dicembre del 2001. Il piccolo ritratto fu regalato dal pittore alla Regina, alla quale chiese espressamente di indossare, durante le sedute di posa, la corona di diamanti.

L. FREUD, Ritratto della Regina Elisabetta II, 2000-2001, olio su tela, 23,5 x 15,2 cm, Windsor, Castello di Windsor

L. FREUD, Ritratto della Regina Elisabetta II, 2000-2001, olio su tela, 23,5 x 15,2 cm, Windsor, Castello di Windsor

Quando il quadro fu reso pubblico, alcuni critici rimasero stupiti nel costatare che, persino per immortalare la sovrana, Freud non avesse rinunciato al suo usuale, e spesso provocatorio, stile. Per l’occasione, “The Sun” paragonò l’effigie della Regina Elisabetta, impietosamente, a quella di un “travestito”.




Ma Freud dipinse spesso più che le celebrità (anche se ha fatto non poco parlare di sé il ritratto della modella Kate Moss nuda e in stato di gravidanza, aggiudicato all’asta per un valore di 5,8 milioni di euro), le persone che lo circondavano. A tal proposito sono numerosi i ritratti della madre dell’artista realizzati in seguito alla morte del marito, avvenuta nel 1970. La donna, infatti, a causa del lutto aveva tentato il suicidio, ed il figlio aveva preso l’abitudine di portarla nel suo appartamento e di farla posare per i dipinti. Un appuntamento che si ripeté per una quindicina d’anni, colta mentre legge o giace sul letto abbandonata ad un lento declino.

NEL FILMATO UN VIAGGIO TRA LE OPERE DI LUCIAN FREUD

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI LUCIAN FREUD.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.


www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=lucian+freud
www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=LUCIAN%20FREUD

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Schad: Il ritratto “romano” dell’amante, Fornarina del Ventesimo secolo

Guernica di Picasso. Prima stesura? Nel 1446. Le matrici del capolavoro. L’urlo