Home / Arte Eros / Madalina Ghenea, la mitica scena di nudo nel film Youth di Paolo Sorrentino. Eccola
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Madalina Ghenea, la mitica scena di nudo nel film Youth di Paolo Sorrentino. Eccola

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

madalina 2
madalina 3
Madalina Diana Ghenea (Slatina, 8 agosto 1988) è una modella e attrice rumena, che inizia la propria carriera a Milano, all’età di 15 anni, quando partecipa a una sfilata dello stilista Gattinoni. Per inseguire il sogno delle passerelle e del cinema, la ragazza si mantiene facendo la cameriera. Nel 2007 appare nel video della canzone di Eros Ramazzotti, “Il tempo tra di noi”; nel 2008 appare nel calendario Peroni, diventa quindi testimonial, accanto a Raul Bova, della 3. Nel 2011, mentre partecipa al talent show Ballando con le stelle, in coppia com Simone di Pasquale, debutta nel cinema, con il film I soliti idioti, di Enrico Lando. La strada del cinema è aperta. Madaline Ghenea torna sui grandi schermi nel 2013 con “Razzabastarda”, opera prima di Alessandro Gassman e nel 2014 interpreta il ruolo di Dorotea Malatesta nella fiction televisiva “I Borgia”. Sempre nel 2014 è l’immagine della Giovinezza, nell’omonimo film di Sorrentino. La sua altezza è notevole – 1,80 -; ciò che non sembra passare, nel mondo femminile, è il concetto che il ritocco al seno muta troppo artificiosamente la linea del corpo. Peccato.


locandina
Youth – La giovinezza
di Paolo Sorrentino

In un elegante albergo ai piedi delle Alpi Fred e Mick, due vecchi amici alla soglia degli ottant’anni, trascorrono insieme una vacanza primaverile.
Fred è un compositore e direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività.Sanno che il loro futuro si va velocemente esaurendo e decidono di affrontarlo insieme.Guardano con curiosità e tenerezza alla vita confusa dei propri figli, all’entusiasmo dei giovani collaboratori di Mick, agli altri ospiti dell’albergo, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna nel tentativo di concludere la sceneggiatura di quello che pensa sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da tempo ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi.Ma c’è chi vuole a tutti i costi vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.
madalina

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista