Home / Mostre in Italia / Marc Chagall. I Sogni e le leggende a Palazzo Crespi, Milano
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

rc Chagall, Les fiancés au cirque - © Artcurial ape

Marc Chagall. I Sogni e le leggende a Palazzo Crespi, Milano


Marc Chagall : sogni e leggende
Dal 5 dicembre 2014 al 20 gennaio 2015
Artcurial Milan – Milano, Palazzo Crespi, Corso Venezia, 22

Ingresso libero.

Orari:
Da lunedì a Venerdì dalle ore 10 alle ore 18
(serale il Mercoledì fino alle ore 20).

Chiuso: il sabato e la domenica e dal 24 dicembre al 6 gennaio.

Apertura straordinaria: sabato 17 e domenica 18 gennaio 2015 dalle 14.00 alle 18.00.

In concomitanza con l’esposizione organizzata da Palazzo Reale « Marc Chagall, una retrospettiva 1908 – 1985 », Artcurial presenta dieci opere di Marc Chagall in una mostra intitolata “MARC CHAGALL. Sogni e leggende” aperta gratuitamente al pubblico dal 5 dicembre 2014 al 20 gennaio 2015, negli spazi della sede italiana della prima casa d’aste francese, a Milano in corso Venezia 22.

Provenienti da un’unica collezione privata, i lavori sono tutti stati realizzati nel periodo 1944 – 1985 in Francia. Queste dieci opere rappresentano molti dei sogni e delle leggende che hanno dimorato in Chagall fin dalla sua giovinezza in Russia.

Marc Chagall, Les fiancés au cirque - © Artcurial

Marc Chagall, Les fiancés au cirque – © Artcurial

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica