Home / Aneddoti sull'arte / Marc Chagall, il primo artista che, in vita, ebbe un museo in Francia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Marc Chagall, il primo artista che, in vita, ebbe un museo in Francia

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Il 7 luglio 1973 venne inaugurato il “Musée National Message Biblique Marc Chagall”: fu allora un evento unico perché per la prima volta in Francia venne consacrato ad un artista vivente un museo nazionale. Marc Chagall poté così collaborare nel progetto architettonico ed organizzare la distribuzione delle opere, rifiutando il criterio cronologico. Nulla venne lasciato al caso. Per il pittore russo l’arte era essenzialmente religiosa ed il tema biblico costituì una sorta di centrale filo conduttore della sua produzione; da qui derivò la decisione di donare allo Stato, riunendo in un unico luogo, costruito appositamente, il suo più importante lavoro dedicato alla Bibbia. Ecco le parole dell’artista a tal proposito: “Ho voluto lasciare i miei quadri in questa casa, perché gli uomini cercassero di trovarvi una certa pace, una certa religiosità, un senso della vita”.


Ed è davvero un’esperienza che sfiora il trascendente la visita del museo attraverso i diciassette grandi quadri dedicati all’Antico Testamento, i dodici che rendono omaggio al Pentateuco e le cinque monumentali tele raffiguranti il “Cantico dei Cantici” nelle quali tutto l’universo chagalliano si riflette per celebrare l’amore come religione universale, come principio di ogni cosa. A completare il percorso acqueforti, litografie e disegni preparatori. Non bisogna inoltre dimenticare il suggestivo auditorium, fortemente voluto fin da subito da Chagall, amante della musica e del teatro e che per l’occasione ha concepito uno spazio unico nel suo genere, bagnato dalla luce blu dei “tre vetri della creazione del mondo”. Sempre creazione dell’artista russo è anche il mosaico che sovrasta la stanza d’acqua.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista