Home / Fotografia / Margot Quan Knight – Quando la donna scopre le pieghe di se stessa
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Margot Quan Knight – Quando la donna scopre le pieghe di se stessa

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Nata a Seattle nel 1977, Margot Quan Knight è un’artista che usa prevalentemente la fotografia, elaborata poi per mutare il piano della realtà ordinaria e rafforzarne le finalità espressive e concettuali. Il suo lavoro si colloca inizialmente come citazione delle fotografie dei grandi magazine americani degli anni Settanta e, di quel periodo coglie sia i valori onirici del post-surrealismo di massa che i forti contenuti femministi, con valori cromatici e tonali -la persistenza di una luce violetta – che segnano fotograficamente quel periodo. Margot Quan Knight legge il corpo della donna come un territorio di conflitto e interpreta una serie di incubi legati alla mutilazione. Dal conflitto della donna con sè – un seno che tenta di mordere l’altro – alla frantumazione dell’essere, rappresentato dall’unità dell’ente spirituale e psichico, che percepisce il corpo in una spaventosa frammentazione.Ed è a questo punto che l’artista si distacca da una visione femminista tout court per rappresentare, in fondo, il trauma,la conquista e il terrore della scoperta della propria fisicità, nel periodo preadolescenziale. Un passaggio che segna il dolore e la gioia della carne, quanto l’accesso a un territorio in cui domina la morte.

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista