Home / News / Michele Liparesi – Opera 2
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Michele Liparesi – Opera 2

bBASSA

Michele Liparesi, GERENUK,F-lux, 2015, rete metallica e torcia a LED, 100x150x300 cm

cBASSA

 

Autore: Michele Liparesi

Titolo opera: GERENUK,F-lux

Anno: 2015

Tecnica e materiali: rete metallica e torcia a LED

Misura: 100x150x300 cm

Nota esplicativa: Testa di animale appesa alla parete come a smaterializzare la fisicità del trofeo a favore di un disegno in movimento. L’animazione, attivata dal nostro movimento nello spazio e dalla luce, si contrappone all’idea di morte evocata dall’estetica del trofeo. La scultura è di rete metallica quadrata e raffigura una testa di gerenuk. Appesa al buio, su una parete di colore chiaro, viene illuminata da una torcia a Led che proietta un disegno d’ombra; muovendo questa fonte di luce ecco l’animazione in 3D dell’animale. E’ un’opera interattiva dove lo spettatore è invitato a interagire con essa, muovendo la luce e animando l’ombra.

 

Biografia

Nato a Bologna il primo d’agosto del 1986. Diplomato al Liceo Arcangeli di Bologna nel 2008. Laurea di triennio in Arti Visive – Scultura nel 2012, Accademia di Belle Arti di Bologna. Primo premio al “Right Brain in a White Box di Artitude, Milano-Fuori Salone 17-22 Aprile 2012”. Collettiva a Casa Masaccio, San Giovanni in Valdarno (AR), “Come sè”, curata da Arabella Natalini e Elena Magini, 22/2-24/3 2014. Laurea in Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi-indirizzo Scultura, Accademia di Belle Arti di Firenze, 9 marzo 2015. Menzione speciale alla Fondazione Giuseppe Lazzareschi, Porcari (LU), collettiva 23/5-13/6 2015. Terzo classificato alla settima edizione del premio Nocivelli, Brescia 2015.

 

Sito web & Links: 

liparesiscultore.it

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico