Home / Fotografia / Migliaia di meravigliosi universi in uno studio 3×6. L’arte di Jee Young Lee
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Broken Heart
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery
Broken Heart Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Migliaia di meravigliosi universi in uno studio 3×6. L’arte di Jee Young Lee

La fantasia e l’immaginazione non possono essere soggiogate da pareti o barriere materiali. Ne è limpidissima dimostrazione l’arte della giovane artista coreana Jee Young Lee che, nel suo minuscolo studio, lavora instancabilmente alla creazione di una miriade di incredibili paesaggi. Una volta finita la scenografia, il tempo di un bel click fotografico ed eccola ricominciare tutto, smontare le attrezzature e ripartire da capo:

Resurrection Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Resurrection
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Panic Room Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Panic Room
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

A volte le occorrono settimane, se non mesi, per modellare il suo universo multiforme e colorato, contenuto all’interno del suo piccolissimo studio che misura 3 metri per 6.
Lo fa con minuzia infinita e straordinaria pazienza , in modo da escludere qualsiasi alterazione fotografica.

Monsoon Season Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Monsoon Season
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

E così, attraverso i suoi scatti, ci si trova a vagare in scenari unici insieme all’autrice, che si immortala puntualmente all’interno di ogni sua creazione.
“La mia arte è una via di fuga – spiega l’artista – dal grigiore, dalla frustazione e dalle repressioni sociali che caratterizzano il nostro mondo. E’ un modo di evadere dalla realtà e di scrollarsi di dosso tutto il peso della vita di tutti i giorni”.

Black Birds Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Black Birds
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Recentemente laureata alla Hongik University di Seoul nella sua nativa Corea del Sud , JeeYoung Lee sfida il mondo reale creando paesaggi dell’anima e della sua fantasia con un tocco di teatralità.

Treasure Hunt Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Treasure Hunt
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Vincitrice di numerosi premi artistici tra cui il Sovereign Art Prize ( 2012). Le sue fotografie hanno già trovato successo in collezioni pubbliche come il Photographic Museum di Kyoto in Giappone, la Fondazione Incheon per l’Arte e la Cultura , o il Museo  OCI  di Seoul.

Oversleeping Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Oversleeping
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

COURTESY Opiom Gallery di Opio, Francia.

Foodchain Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

Foodchain
Foto di Jee Young Lee, Courtesy Opiom Gallery

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista