Home / Stile arte Milano / Milano | “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. 171 Tavolette Votive raccontano la terra e il cibo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

230 T

Milano | “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. 171 Tavolette Votive raccontano la terra e il cibo

Dacci oggi il nostro pane quotidiano. Dallʼantichità ai giorni nostri il pianeta, la terra, il raccolto, il cibo
Dal 10 novembre 2015 al 28 maggio 2016
Casa Manzoni, Milano

Orari
da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 18.00, il sabato dalle 14.00 alle 18.00. Chiuso lunedì, domenica e festivi.

Ingresso libero.


La mostra “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” «Dallʼantichità ai giorni nostri il pianeta, la terra, il raccolto, il cibo» a cura della Fondazione Per Grazie Ricevute (P.G.R.) ritorna al primo piano di Casa Manzoni,. Lʼesposizione sarà aperta con i seguenti orari: dalle 10.00 alle 18.00 da martedì a venerdì il sabato dalle 14.00 alle 18.00 con ingresso libero.

2301 L

La mostra  dà la possibilità ai suoi visitatori di poter fare un percorso affascinante, tra colori, immagini e cultura. Verranno esposte 171 Tavolette Votive dedicate al tema della terra,  che risalgono al periodo dal 1600 al 1900, provenienti da tutta Italia, dallʼAustria e dal lontano Messico. E circa 80 figure di Ex~Voto in argento e lamiera in parte donati alla Fondazione P.G.R. dai coniugi Antonini.

Gli Ex~Voto rappresentano la gratitudine degli uomini per il raccolto inteso come segno di vita, fonte di cibo e rinascita, simbolo di abbondanza e mezzo di scambio, oltre che come preghiera affinché quel bene tanto prezioso fosse sempre costante e abbondante.

Nella nuova esposizione gli Ex~Voto sono suddivisi per argomento: dal raccolto alla locomobile, dalle ruote alle malattie dei bovini, dalla transumanza alle nuvole… tutto ciò che aveva a che fare con il cibo, la terra e la vita contadina dei nostri avi… e non mancano Ex~Voto particolarissimi con immense zucche cadute dal treno o “incidenti” in cantina durante lʼimbottigliamento.

2507 L

Gli Ex~Voto sono “documenti” che testimoniano epoche storiche, situazioni, modi di vivere, e diventano una fotografia degli anni passati, di ciò che era importante. Il cibo, come oggi, era fondamentale, ed era al centro della vita contadina. Lʼaver salvato il raccolto dalla grandine o da un incendio, una mucca che sopravviveva alla stalla in fiamme, il cibo al sicuro erano motivo per ringraziare con tavolette, a volte semplici o più ricercate, i nostri protettori.

LʼEx~Voto deve essere interpretato per ciò che ha significato e significa in relazione ad un  contesto culturalmente ampio. Si tratta di un comportamento tra i più antichi e diffusi, uno scambio di cultura e/o arte religiosa, tra i più utilizzati a livello popolare; un segno di fede e di costume devoto e semplice.

 

x

Ti potrebbe interessare

a ana

Anastasia Kole, la gioia di danzare nel vento. Il video della modella-fotografa

Il volto del disegno trovato a Milano avvicinato a quello del vecchio soldato della Conversione di Saulo, mostra una stupefacente somiglianza. Altri cento disegni trovano riscontro, secondo la tesi di Curuz e Conconi, in 84 opere della maturità

Giovane Caravaggio, ecco i cento disegni ritrovati. E le ragioni della fondatezza della scoperta