Home / Aneddoti sull'arte / Un’invenzione botanica portò Monet a coltivare e dipingere ninfee. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Un’invenzione botanica portò Monet a coltivare e dipingere ninfee. Il video

Claude Monet, Lo stagno delle nifnee, 1899

Claude Monet, Lo stagno delle nifnee, 1899

 

81-oUZhJOYL> La lettura consigliata:  Il mistero delle ninfee. Monet e la rivoluzione della pittura moderna

Ross King ricostruisce lo scenario che fa da sfondo al “folle incantamento” di Monet e alla realizzazione di opere che ritraggono l’angolo del giardino di Giverny, opere dalle quali, possiamo scorgere la scintilla della modernità.

Acquista qui il libro: http://amzn.to/2xMeCYW

La svolta che Monet impresse alla propria pittura, passando dal paesaggio a campo largo, alla visione ravvicinata di porzioni di natura che preludono alla via dell’informale, fu consentita, oltre alle esigenze del pittore di rinnovare le modalità di rappresentazione dell’istante di luce, dal mercato della botanica che, proprio in quegli anni, si apriva all”invenzione”, attraverso incroci tra specie esotiche e la bianca europea, delle ninfee colorate. In precedenza, da noi, questi fiori delle acque stagnanti erano nivei. Ma all’esposizione universale del 1889 Latour-Marliac, un possidente appassionato di giardini, presentò le nuove varietà, che conquistarono il pubblico e che gli valsero il primo premio nella propria categoria. Certamente Monet fu sedotto dalla visione di questi fiori che ricordavano le decorazioni giapponesi. Al punto che egli ne ordinò successivamente diverse varietà a Latour-Marliac, che aveva i vivai a Temple-sur-Lot, per decorare e dare un senso, con ninfee e ponte giapponese, allo specchio d’acqua che avrebbe creato a Giverny. Nell’archivio dell’azienda francese sono conservati i documenti commerciali che attestano l’acquisto – attraverso diversi ordini – di ninfee da parte del pittore.

> La lettura consigliata:  Il mistero delle ninfee. Monet e la rivoluzione della pittura moderna

Le ninfee colorate erano state prodotte dal botanico dopo dieci anni faticosi di incrocio, come si diceva, tra bianche rustiche e tropicali. Tra il 1870 e il 1880, ne aveva create 19 varietà che furono poi presentate trionfalmente all’ombra della Tour Eiffel.
Claude Monet si stabilito, a partire dal 1883, nel villaggio di Giverny, in una casa che aveva preso in affitto e che poi avrebbe acquistato nel 1890. Ne modifica la forma e riorganizza completamente il frutteto in giardino fiorito. Farà scavare nel 1893, su un ramo dell’Epte, il bacino delle ninfee ai bordi del quale dipingerà Le Ninfee.

Il sito dell’azienda che ha inventato le Ninfee utilizzate da Monet per il giardino di Giverny http://latour-marliac.com/fr/ e sotto, il filmato del parco delle ninfee dell’azienda, che ha ancora sede a Temple-sur-Lot

Qui il libro in lingua inglese che racconta il genio dietro alle Ninfee di monet

> La lettura consigliata:  Il mistero delle ninfee. Monet e la rivoluzione della pittura moderna

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI. QUI I LINK.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Lev Tchistovsky, masturbazione e tumide orchidee. Nel video, le opere

Van Gogh, gli esordi – Come disegnava e dipingeva da ragazzo