Home / Pittura antica / Monsù Desiderio – Quotazioni gratuite. Quanto valgono i quadri dell’artista
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Monsù Desiderio – Quotazioni gratuite. Quanto valgono i quadri dell’artista

http://https://www.youtube.com/watch?v=9ifxEuD3FvI

 

 

MONSU’ DESIDERIO, GRATIS LE QUOTAZIONI E GLI ESITI D’ASTA SEMPRE AGGIORNATI ED EVENTUALI QUADRI DELL’AUTORE ALL’ASTA IN QUESTI GIORNI.CLICCARE SUL LINK PIU’ SOTTO. NUMEROSE IMMAGINI E SCHEDE DEI DIPINTI DEL MAESTRO



http://www.christies.com/LotFinder/SearchResults.aspx?action=search&searchFrom=header&lid=1&entry=mons%C3%B9%20desiderio

monsu 3

Dipinti spesso inquietanti: città splendide, grandiose, ma sinistre; gli inferi che si dischiudono come palazzi regali. Pittore misteriosissimo e dalla fervida immaginazione, François Didier de Nomé, detto Monsù Desiderio nacque a Metz, in Lorena, attorno al 1593 e morì a Napoli nel 1644. L’artista venne confuso spesso con il pistoiese Francesco Desideri, ma la sua vera identità è stata stabilita quando a Napoli è stato trovato, negli archivi, il suo contratto di matrimonio con la figlia del pittore fiammingo Loise Croys, Isabella. Di lui si sa pochissimo, nonostante sia stato un autore dotato di una carica onirica intensa, così da essere apprezzato, secoli dopo, da Breton e dai surrealisti. Il mistero è moltiplicato dal fatto che, dopo la sua morte, nella bottega napoletana l’opera fu continuata dal pittore connazionale Didier Barra, sicchè si era pensato che monsù Desiderio fosse lui, come risulta da antichi inventari.

 

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

lorlotto ritrdlucill#1361C5ape

Quel bel pendente sembra un gioiello, ma è un prezioso stuzzicadenti d’oro