Home / News / Morgan Zangrossi
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Morgan Zangrossi

Morgan Zangrossi, Senza titolo, 2015 assemblaggio componenti hardware su supporto ligneo e plexiglass, ruggine e doratura, 50x50x6

 

Autore: Morgan Zangrossi

Titolo opera: Senza Titolo

Anno: 2015

Tecnica e materiali: Tecnica mista – Assemblaggio componenti hardware su supporto ligneo e plexiglass, ricoperti di ruggine vera e doratura

Misura: cm 50x50x6

Nota esplicativa: Questo mio lavoro vuole rappresentare proprio la difficoltà che ha la maggior parte della gente a percepire oltre, mostrando quello che si cela sotto una superficie spesso anonima, piatta o ordinaria, spingendo a considerare quanto possa essere sbagliato un giudizio dato in maniera affrettata. La regolarità degli involucri è squarciata per rivelare un’interiorità complessissima, fatta di percorsi tormentati, di ripensamenti; saldature come cicatrici, circuiti come sogni infranti, assemblaggi come esperienze di vita che ci permettono di essere quello che siamo. Gli spazialismi di Fontana e i meccanismi di Pomodoro hanno ispirato la mia mente e guidato la mia mano, portandomi a questi risultati.

 

Biografia

Morgan Zangrossi è nato a Rovigo, nel 1974, vive e lavora a Gavello (RO). E’ un artista materico che usa oggetti informatici e multimediali ormai in disuso per rappresentare la sua poetica; pezzi di computer rotti o obsoleti vengono nobilitati da Zangrossi, che inserendoli nelle sue composizioni e ricoprendoli di ruggine, li eleva al pari dei classici oggetti da lavoro, li permea della sacralità che solo l’invecchiamento dà. La vita di questo artista polesano è stravolta, in età adolescenziale dalla disabilità e dal dolore, che gli negano la possibilità di vivere come i suoi coetanei, ma che affinano la sua sensibilità verso le cose belle e l’arte. Lui cresce creando, sperimentando, studiando i grandi artisti dell’arte moderna e contemporanea da cui prende ispirazione per le sue creazioni. Dal 2012 inizia a esporre sia in Italia che all’estero, in personali e collettive di prestigio, nel 2015 è finalista nel Premio “La Quadrata”.

Sito web & Links: 

www.morganzangrossi.it

www.facebook.com/morganzangrossi.it?fref=ts

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista