Home / Mostre in Italia / Mostra | A Bologna: Guido Reni e i Carracci. Un atteso ritorno
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Mostra | A Bologna: Guido Reni e i Carracci. Un atteso ritorno


12274327_1169788966381849_8952396618770957879_n

 

Guido Reni e i Carracci. Un atteso ritorno
Capolavori bolognesi dai Musei Capitolini
Bologna, Palazzo Fava
5 dicembre 2015 – 13 marzo 2016

Informazioni
e-mail: info@genusbononiae.it
Tel.: + 39 051 19936305

Orari
Lunedì dalle 12 alle 19
Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, domenica 10-19
Sabato 10-20
24 e 31/12  dalle 10 alle 16
25/12 dalle 10 alle 19
1/1 dalle 12 alle 19

Biglietti
Interi €13, ridotto € 11, ridotto speciale gruppi € 8
Ridotto scuole/ragazzi € 5,00

Annibale Carracci, Santa Margherita

Annibale Carracci, Santa Margherita

I capolavori dei maestri emiliani, conservati finora all’interno dei Musei Capitolini di Roma, fanno tappa a Palazzo Fava dal 5 dicembre 2015 al 13 marzo 2016, tra cui alcuni mirabili esempi della produzione estrema di Guido Reni.

Guido Reni, Annibale e Ludovico Carracci, Domenichino, Denis Calvaert, Sisto Badalocchio, Francesco Albani sono solo alcuni degli autori dei capolavori in esposizione. Maestri protagonisti di una stagione particolare – la fine del XVI e la prima metà del XVII secolo – che vide consolidarsi legami storici, politici, artistici tra Bologna e Roma con la fioritura della scuola del capoluogo emiliano che, nell’Urbe, trovò il favore di mecenati e committenti di assoluto livello.

“Il folto gruppo dei dipinti bolognesi della Pinacoteca Capitolina – fondata alla metà del Settecento da papa Benedetto XIV Lambertini, originario della città emiliana – deriva principalmente dalla acquisizione della collezione del cardinale Giulio Sacchetti, presente a Bologna nel triennio 1637-1640 in qualità di Legato pontificio. Opere mai ritornate tutte insieme nella città dove erano state realizzate”, spiega il Sovrintendente Capitolino Claudio Parisi Presicce.

La mostra è curata da Sergio Guarino, Curatore Storico dell’Arte della Pinacoteca Capitolina,

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti