Home / Mostre in Italia / Mostra | A Cortina: Il Bambin Gesù delle Mani di Pinturicchio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

d614a8b7d4d9797e6c409672df1d360c_XL

Mostra | A Cortina: Il Bambin Gesù delle Mani di Pinturicchio


Pinturicchio
Il Bambin Gesù delle Mani

Cortina d’Ampezzo
Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi
1 dicembre 2015 – 31 gennaio 2016

Cortina d’Ampezzo, Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, dal 1 dicembre 2015 al 31 gennaio 2016, il mistero e il fascino dei tempi arcani potrà essere finalmente ammirato: PINTURICCHIO –  “ Il Bambin Gesù delle Mani”.

Il dipinto, gemma dell’Arte Umbra Rinascimentale, oltre che unico per la sua singolare bellezza e prezioso per la trama e la storia della sua genesi, è soprattutto custode di uno dei più scandalosi ed intriganti misteri del passato.

Pinturicchio, Il Bambin Gesù delle Mani

Pinturicchio,
Il Bambin Gesù delle Mani

Proprietà della Fondazione Guglielmo Giordano, a pochi anni dal suo ritrovamento, compie il giro del mondo, esposto nei più rilevanti musei: dal Guggenheim di New York, al Musèe Maillol di Parigi, fino a Palazzo Venezia a Roma.

L’iniziativa, supportata da un’articolata e capillare campagna di comunicazione, è finalizzata al raggiungimento di target diversificati ed eterogenei.

E’ previsto un importante ed impattante afflusso di pubblico in grado di generare un significativo ritorno sul territorio e sulla immagine totale delle realtà contribuendo, così, alla dinamica realizzazione e collaborazione per il progetto.

La Mostra, carica di un sostanzioso significato storico, culturale ed artistico, rappresenta per Cortina, la “Regina delle Dolomiti”, una interessante opportunità per accostare i valori del territorio a quelli dell’Arte italiana che, da secoli, si contraddistingue nello scenario mondiale.

Dopo la Mostra di Rockwell del 1990, Cortina celebra con  PINTURICCHIO il grande ritorno alle Mostre di respiro Internazionale.

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti