Home / News / Musei a 1 euro – Piemonte
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Musei a 1 euro – Piemonte

1408432424271_GEP_2014_logo

Sabato 20 settembre, in occasione della 31a edizione delle Giornate Europee del Patrimonio, i principali musei, monumenti e aree archeologiche statali e comunali saranno aperti al pubblico fino alle 24.00 al costo simbolico di 1 euro.

PIEMONTE
Castello di Agliè AGLIÈ 9.00 19.30 e 20.00-24.00  (ultimo ingresso 18.30 e 23.00)
Area Archeologica di Bene Vagienna BENE VAGIENNA dall’alba al tramonto
Forte di Gavi GAVI 11.30 – 23.30  (ultimo ingresso 22.30)
Città Romana – Area Archeologica di Industria MONTEU DA PO 14.00 – 19.00
Castello di Racconigi RACCONIGI fino alle 24.00
Castello di Serralunga d’Alba SERRALUNGA D’ALBA 11.00 – 13.00 e 14.00 – 18.00  (biglietto ridotto 3.50 euro)
Città romana di Libarna SERRAVALLE SCRIVIA 10.00 – 18.30
Anfiteatro Romano e Area Archeologica SUSA 10.00 – 18.30
Armeria Reale TORINO 8.30 – 19.30 e 20.00 – 24.00 (chiusura biglietterie 18.00 e 23.00)
Biblioteca Reale di Torino TORINO fino alle 24.00
Museo di Antichità TORINO fino alle 24.00
Museo Egizio TORINO fino alle 24.00 biglietto ridotto 3,50 euro
Palazzo Carignano TORINO fino alle 24.00
Palazzo Reale TORINO fino alle 24.00
Venaria Reale TORINO fino alle 24.00 biglietto ridotto 4,00 euro
Villa della Regina TORINO fino alle 24.00

FONTE: Mibact

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica