Home / News / Nathan Coley – L’artista scozzese che trae sacralità dal cartone
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nathan Coley – L’artista scozzese che trae sacralità dal cartone

Nathan Coley, La lampada del Sacrificio (161 Luoghi di culto, Birmingham) 2000, installazione, cartoni lavorati

Nathan Coley, La lampada del Sacrificio (161 Luoghi di culto, Birmingham) 2000, installazione, cartoni lavorati

 

Per tutto il 2014 la Scozia analizza, studia e propone in mostre gli artisti che hanno segnato la rinascita dell’arte contemporanea sul territorio. Tra le presenze più significative, quella di Nathan Coley, nato nel 1967 a Glasgow. Finalista al Turner prize nel 2007, Coley si è formato alla scuola d’arte della città natale.

L’artista, come possiamo vedere, lavora spesso a livello di installazioni  nelle quali egli propone gli edifici in un’aura di rilettura della sacralità; anche per questo motivo egli ha presentato lavori con chiese o  lastre tombali e ha realizzato vere e proprie sepolture. Attualmente vive e lavora a Glasgow.

Nathan Coley, Chiesa camuffata, 2006

Nathan Coley, Chiesa camuffata, 2006

 

x

Ti potrebbe interessare

Fortunato Depero, La casa del mago, olio su tela, cm 150 x 260. © Eredi Depero

Depero, il mago che precedette Warhol. Capiscilo subito, poi approfondisci

zinn

Le spettacolari anamorfosi di David Zinn. Qui il video