Home / News / Nel Quattrocento a Venezia donne e bambini non potevano essere ritratti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nel Quattrocento a Venezia donne e bambini non potevano essere ritratti

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Nel Quattrocento c’è una significativa differenza tra la ritrattistica veneziana e quella di altre regioni o città. In laguna gli artisti sembrano evitare i soggetti femminili o infantili, ritratti invece con grande frequenza a Firenze e in altre città nordeuropee e italiane. “Si sa che i gusti sono inspiegabili – commenta Rona Goffen nel saggio “Valicando le Alpi: arte del ritratto nella Venezia del Rinascimento” – ma il gusto per la ritrattistica che pervadeva la Venezia rinascimentale diventa in larga parte comprensibile, se lo si considera alla luce della morale dell’epoca – soprattutto sotto il profilo del ruolo della donna e del comportamento esemplare che ci si attendeva dalla classe dominante” .

TIZIANO VECELLIO, Ritratto di Vincenzo Mosti, 1520, olio su tavola, trasportata su tela, 85 x 66 cm, Firenze, Galleria Palatina

TIZIANO VECELLIO, Ritratto di Vincenzo Mosti, 1520, olio su tavola, trasportata su tela, 85 x 66 cm, Firenze, Galleria Palatina

Il riferimento è agli ideali, e non alla realtà, della vita e della società veneziana: ma non era forse il mito di Venezia che gli artisti intendevano celebrare con le loro opere? La nobile stirpe prima ancora della persona, dell’individuo: l’idea di Stato sopra quella del singolo e della famiglia. “Fino ad una fase abbastanza avanzata del XVI secolo – spiega Goffen – le espressioni di individualità (compresi i gesti e le emozioni) venivano soppresse a favore di una maschera facciale ancorché passiva. E visto che le mogli, le madri e i figli erano ovviamente necessari alla costituzione di una dinastia, farne fissare le fattezze in un ritratto significava inevitabilmente invadere la sfera privata dei loro mariti, figli e padri, il che  non era considerato “politicamente corretto”.

Così venivano effigiati i nobiluomini, non le nobildonne o i bambini”. Ciò non toglie che qualche eccezione fosse concessa, Giovanni Bellini, ad esempio, eseguì un ritratto – probabilmente l’unico della sua produzione artistica – dell’amante di Pietro Bembo. Di quest’opera si sono perse le tracce, e se ne conosce l’esistenza solo attraverso le parole dello stesso Bembo, autore di due sonetti dedicati appunto a quell’immagine e ispirati a quelli scritti da Petrarca per lodare un’immagine di Laura.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica