Home / News / Nel week end: Cultura e natura nelle Terre di Siena
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nel week end: Cultura e natura nelle Terre di Siena

Siena

Siena

Trekking, conferenze, teatro, tecnologia. Ecco il nuovo weekend delle Notti dell’archeologia: nelle Terre di Siena un lungo fine settimana con Fondazione Musei Senesi, che da domani, giovedì 17 luglio, a domenica 20 luglio propone tanti appuntamenti per conoscere le testimonianze archeologiche del territorio senese.

Oggi, giovedì 17 luglio, appuntamento alle 21 al Museo civico, archeologico e della collegiata di Casole d’Elsa per la conferenza “Le evidenze archeologiche nel territorio di Casole d’Elsa”, in cui Alessandra Fortini racconta i propri studi e analisi delle strutture esistenti in alcune costruzioni medievali situate sul territorio, in particolare presso i siti Gallena, La Vergene e il cosidetto “Castellaccio”, mentre venerdì 18 luglio il Museo del tartufo e Centro di documentazione di San Giovanni d’Asso propone alle 18 una visita guidata al sito archeologico di Pava, in compagnia degli archeologi che hanno lavorato agli scavi.

Sabato 19 luglio arriva “Dall’olio all’unguento: i profumi nel mondo antico”, il laboratorio in programma alle 17 al Museo del paesaggio di Castelnuovo Berardenga realizzato in collaborazione con società cooperativa archeologica ARA. Incentrato sull’importanza dell’olio di oliva nel Mediterraneo antico e sui suoi diversi usi, l’evento prevede un’esperienza olfattiva alla scoperta di erbe, spezie, resine e fiori con cui nel passato venivano preparati gli unguenti aromatici, per poi far cimentare partecipanti con la loro preparazione pratica. Alle 16.30 presso la Sala d’arte di San Giovanni di Castiglione d’Orcia spazio a “Archeologia in rete”: la Rocca di Tentennano ospita la presentazione dell’App ArcheoSpot, un sistema di fruizione del territorio basato sulle potenzialità offerte da internet, a cui segue la dimostrazione pratica sulle ultime tecniche di telerilevamento di siti archeologici. A Colle Val d’Elsa il Museo archeologico Ranuccio Bianchi Bandinelli” resta aperto straordinariamente in notturna, dalle 21 a mezzanotte: oltre alle visite guidate, alle 21.30 è in programma la presentazione del libro di Annica Gelli “Da Le Vene a Le Ruote. Edifizi andanti ad acqua sulle Gore di Colle di Val d’Elsa”. Dedicata agli Etruschi invece l’iniziativa del Museo civico e Pinacoteca Crociani di Montepulciano, dove dopo la conferenza che si tiene alle 21.15 è la volta di un’esibizione di danza etrusca (alle 22), a cui segue una degustazione a tema con assaggi ispirati alla cucina di questo antico popolo.

Siena

Siena

Domenica 20 luglio alle 19 il Museo archeologico del Chianti senese di Castellina in Chianti aspetta cittadini e turisti al tumulo di Monte Calvario per “Anfiarao e il dono inutile”, performance teatrale a cura di Archeologia Narrante in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana; l’Antiquarium di Poggio Civitate – Museo archeologico di Murlo propone dalle 16 alle 18 una passeggiata insieme a un archeologo alla scoperta della bellissima Rocca di Crevole, della sua storia e del suo legame con l’Antiquarium di Poggio Civitate, mentre il Museo civico archeologico di Sarteano ha in programma il trekking archeologico “Il castelliere medievale e le necropoli etrusche”, escursione con partenza alle 9 dalla Chiesa di Sant’Andrea che dai recenti scavi di Castiglioncello del Trinoro porta fino alle tombe di Molin Canale passando per le necropoli di Poggio Rotondo e Solaia.

Inoltre, prosegue fino al 28 settembre presso le sale del Museo Civico Archeologico di Chianciano Terme la mostra “Petala Aurea. Lamine di ambito bizantino e longobardo dalla Collezione Rovati”, promossa dal Museo Civico Archeologico di Chianciano Terme con la Fondazione Musei Senesi e Rottapharm | Madaus, in collaborazione con MiBAC, Regione Toscana, Provincia di Siena, Comune di Chianciano, che può essere visitata tutti i giorni da martedì a domenica in orario 10-13 e 16-19. Un’occasione straordinaria per ammirare cinquanta rari pezzi di oreficeria dei maestri bizantini e longobardi provenienti dalla collezione privata del professor Luigi Rovati, appassionato collezionista di monete e reperti altomedievali. A San Gimignano invece può essere visitata fino al 31 agosto presso la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Grada” la rassegna fotografica “Icons” di Elliott Erwitt, uno dei più grandi reporter a livello internazionale. La mostra ripercorre la carriera e i temi principali della poetica del grande fotografo e artista americano Elliott Erwitt (1928), attraverso 42 scatti da lui stesso selezionati come i più rappresentativi della sua produzione artistica. In esposizione anche una serie di 9 autoritratti, in esclusiva per questa mostra.

Val di Chiana

Val di Chiana

Altri appuntamenti sono in programma a Buonconvento, nell’ambito dell’iniziativa “Trebbiatura sotto le mura”: il Museo della Mezzadria senese in collaborazione con l’amministrazione comunale e con Fondazione Musei Senesi propongono sabato 19 luglio (ore 8.15) “MezzaVie. Passi tra le spighe”, visita guidata al museo ed escursione nelle Crete Senesi per incontrare i mietitori dell’associazione Quartieri di Buonconvento intenti a mietere il grano “come una volta”, mentre domenica 20 luglio alle 16 è in programma un laboratorio gratuito sulla preparazione del pane dedicato ad adulti e bambini a cura dell’associazione Paleoriza.

Infine, c’è tempo fino alle 13 di giovedì 31 luglio per partecipare al concorso fotografico “Scatto di Libertà”, promosso da Fondazione Musei Senesi tramite i volontari del servizio civile Museum Angels in occasione del 70° anniversario della Liberazione. Tutte le informazioni sul concorso sono consultabili su www.museisenesi.org.

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista