Home / News / Nuova oggettività: le Veneri malate di guerra e di cupidigia di Karl Hubbuch. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nuova oggettività: le Veneri malate di guerra e di cupidigia di Karl Hubbuch. Il video

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

a nuova oggettività

In seguito alla Prima guerra mondiale, l’anima del mondo cambiò radicalmente. Dopo il soffio gioioso della Belle epoque, lo stesso mondo tecnologico che aveva portato notevoli progressi economici appoggiò la via del consumo attraverso la distruzione e la conquista di nuovi territori. E a questo punto, di fonte alla devstazione della materia e dello spirito, che Karl Hubbuch entra a far parte del movimento artistico che ha usato l’arte per dare una visione critica e impegnata della società tedesca negli anni successivi all primo conflitto mondiale, chiamato Neue Sachlichkeit (Nuova Oggettività). La matrice, come ben vediamo, è espressionista.
L’artista ha studiato alla Staatliche Akademie der Bildenden Künste di Karlsruhe, dove ha fatto amicizia con Rudolf Schlichter e George Scholz. Dal 1912 ha studiato arte grafica al kunstgewerbemuseum, dove si formarono George Grosz e Oskar Nerlinger. Dopo anni di pausa artistica causata dalla prima guerra mondiale, Hubbuch tornò a Karlsruhe, dove avrebbe finito gli studi, occupando una cattedra dal 1928. Durante questo periodo ha inizio il suo interesse per la pittura, che segue il periodo dell’illustrazione, che era stato il suo mezzo di espressione artistica in precedenza.

A causa della sua pittura di deformazione della realtà, lungo quella linea stilistica sulla quale Hitler univa gli esempi di arte degenerata, l’artista non era ben visto deal nazismo. Così Karl Hubbuch andò in pensione dal suo incarico di professore. Ha vissuto lavorando, fino al 1945, come pittore decorativo in diverse aziende ceramiche nel sud della Germania. Dopo la seconda guerra mondiale, è stato reintegrato nel suo posto presso la Akademie di Karlsruhe e ha ricevuto numerosi riconoscimenti da parte delle autorità. Le opere in dopoguerra continuano denunciare gli eccessi fascisti, ma a poco a poco i suoi soggetti mutano, concentrandosi sui suoi numerosi viaggi, soprattutto in Francia.

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica