Home / News / Odiare Picasso
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Odiare Picasso

di Paolo Pietta

3

Stile intervista Marc Restellini, co-direttore del Musée du Luxembourg

Lei ha affermato, parlando di Gustav Rau: “Non conosciamo nessun collezionista che abbia da solo raccolto opere che spaziano in sei secoli di storia dell’arte, rivelando una scelta altrettanto raffinata e di eguale pregio”. Può esprimere un breve commento in proposito?
Ritengo che la collezione Rau presenti inequivocabilmente le caratteristiche dell’unicità. E’ il ritratto che un uomo ha fatto a se stesso, attraverso i criteri di scelta che presiedono la raccolta e che contribuiscono ad offrire, in modo indiretto, la ricostruzione di una personalità importante. Non conosciamo alcun collezionista che abbia, da solo, raccolto opere che spaziano su tanti secoli della storia dell’arte, e ciò con una notevole raffinatezza, attraverso una reale scelta qualitativa. Normalmente i collezionisti scelgono un particolare periodo storico. Buona parte degli appassionati si rivolge all’Ottocento e al Novecento. Spaziare su più secoli dell’arte occidentale, significa, in qualche modo, accettare il confronto con le collezioni pubbliche e con i musei. Ebbene: la collezione Rau non ha nulla da invidiare alle maggiori pinacoteche del mondo. Egli non ha voluto escludere, in questa documentazione storico-estetica del percorso compiuto in Europa, nessun periodo, nessuna regione geografica, né tanto meno alcuna scuola pittorica.


La mostra di Bergamo si configura come un affascinante viaggio nella pittura occidentale. Le chiediamo di segnalare ai nostri lettori quelle che, a suo giudizio, sono le opere più significative proposte.
In verità dovrei avere a disposizione il tempo necessario per fare un elenco dettagliato dei quadri presenti alla mostra bergamasca. Tutti i dipinti hanno una particolarità che merita d’essere segnalata. Potrei dire Fragonard, come Monet e Cézanne, oppure, virando rapidamente e tornando indietro nel tempo, potrei parlare di Guido Reni e di Caracciolo… Ma certo sarebbe una visione parziale. Una collezione si compone attraverso ciò che esiste, ma soprattutto attraverso ciò che manca. Abbiamo parlato, in precedenza, della completezza della raccolta Rau. Eppure – se osserviamo con attenzione l’articolato percorso storico attraverso gli autori – vediamo che il collezionista lasciò uno spazio nella costruzione della propria storia dell’arte. Il buco è costituito dall’assenza di Picasso. Un’assenza voluta, cercata. La deformazione nella rappresentazione della natura, a giudizio di Rau, doveva arrestarsi con gli amatissimi Fauves e non poteva essere portata alle estreme conseguenze, come avviene in Picasso. Il dottore non nascondeva peraltro di essere affezionato al movimento Fauve (le cosiddette “Belve”, che portarono la pittura verso un selvaggio e aggressivo azzeramento dei valori estetici tradizionali, ndr) e all’Espressionismo. Venendo molto più in qua, nel tempo, troviamo un’importante natura morta di Morandi… La mostra consente insomma al visitatore di maturare un’idea molto completa della collezione e di giudicare la vastità del lavoro compiuto da Gustav Rau in circa trent’anni. Attraverso questa eccezionale raccolta si rivelano le scelte particolarmente oculate di un grande amatore d’arte che solo in alcuni casi confidava sull’aiuto e il consiglio altrui.
Come si è giunti alla decisione di portare la collezione Rau all’Accademia Carrara? E quali sono le ulteriori tappe espositive?
I contatti con l’Italia si sono intensificati durante la preparazione della mostra dedicata al tema del ritratto in Raffaello. La mostra di Bergamo è anche frutto di quel lavoro. Ulteriori tappe in Italia? Credo proprio di no. Abbiamo in programma esposizioni in Spagna e in America del Sud, ma, a quanto mi risulta, quella di Bergamo è l’unica tappa italiana. A meno che gli italiani – e lei conosce gli italiani – decidano altrimenti.
Anche lei ha origini italiane…
Mio nonno era italiano. Non so da dove venisse, con esattezza. Durante il mio soggiorno a Bergamo, per la mostra, ho incontrato persone che mi hanno detto che il mio cognome potrebbe essere riferito all’area di Domodossola.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video