Home / Pittura contemporanea / Paesaggi di passaggio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Paesaggi di passaggio

di Jacqueline Ceresoli

Il paesaggio è un genere pittorico secentesco tornato alla ribalta nel nuovo millennio. Sembra che gli scenari virtuali, per quanto affascinanti, siano in ribasso nel mercato dell’arte. Il paesaggio è un soggetto che indaga la realtà e il rapporto con le cose, lo spazio e il tempo. Nella storia della pittura, la natura all’inizio è idealizzata: il suo aspetto realistico è introdotto in Italia dai tedeschi e dai fiamminghi, si ricordano Bruegel e Brill, che soggiornò a Roma e incantò Federigo Borromeo con paesaggi luminosi e d’atmosfera. Nel Seicento e Settecento prevale la rappresentazione del paesaggio “classico” strutturato in maniera geometrica e razionale; in particolare sono molto richieste le immersioni arcadiche nel verde lussureggiante al modo di Poussin, Lorrain e Dughet. All’opposto di questa interpretazione cartesiana della natura, vi sono i paesaggisti visionari come Salvator Rosa, Ricci e Magnasco, che aggiungono note fantastiche agli aspetti naturalistici, sviluppando un genere particolare ed autonomo.

Nell’Ottocento la natura diventa linguaggio romantico, con il passaggio dalla veduta al paesaggio pittoresco e all’accentuazione dei valori soggettivi, che la trasformano in uno specchio degli stati d’animo. Friedrich è stato un paesaggista protoromantico; poi Turner e Corot superano il vedutismo di maniera, aprendo la strada alla dissoluzione formale con paesaggi dipinti con effetti luminosi di colori e trasparenze straordinari, di una modernità sconvolgente. Intanto è maturata l’esigenza di dipingere dal vero, e i pittori incominciano ad uscire dagli atelier e dalle accademie per studiare le mutazioni di luce sulla natura.

Dal 1830 la Scuola di Barbizon diventa la meta di artisti innovatori, che lavorano a contatto della natura. Dalla seconda metà dell’Ottocento si affermano i principi del realismo con Courbet, e tale atteggiamento trasforma gli aspetti della realtà visibile in presupposti formali riproducibili. Da questo momento il paesaggio si conferma come metafora del divenire biologico, della vita. A Napoli, la Scuola di Posillipo sviluppa una pittura vibrante, antiaccademica, con interpretazioni soggettive e liriche del paesaggio locale: i protagonisti sono Giacinto Gigante e i fratelli Palizzi. In Lombardia, Giovanni Carnovali detto il Piccio stupisce i coetanei con scenari del Po e dell’Adda, dipinti con pennellate quasi tremolanti che sembrano immobilizzare l’aria; seguiranno la scia anticlassica gli Scapigliati a Milano. In Piemonte la Scuola di Rivara, sull’esempio di quanto avviene in Francia, pone al centro dei suoi interessi la campagna, nello sforzo di rinnovare la pittura di paesaggio; tra gli altri, Fontanesi è l’artista che aggiunge una nota malinconica alle ricerche luministiche e alle trasparenze vellutate che lo contraddistinguono. Gli impressionisti trasformano il paesaggio in una sensazione di luce dissolta in un pulviscolo luminoso, tenuto insieme da punti di colore puro; i soggetti sono le rive della Senna, le vedute del Midì irradiato dalla luce del Mediterraneo, le foreste, le ninfee, tutti presupposti per cogliere l’atmosfera, la luce dell’alba o del tardo pomeriggio, del tramonto, quando il sole affaticato dal giorno si ripara dietro l’orizzonte delle acque, degli alberi, delle colline.

Sisley, diversamente da Monet non riesce a distaccarsi del tutto dal “sentimento della natura” e pone al centro dei suoi interessi non la sensazione visiva, ma la sensibilità. Signac elabora una tecnica neoimpressionista e si specializza in paesaggi acquatici, poi si trasferisce a Saint-Tropez e i suoi mari naufragano in punti non d’azzurro, ma di luce abbacinante. In Italia, Segantini dipinge le luci della natura con una tecnica divisionista. Per Cézanne il pensiero è lo strumento della conoscenza della realtà, anche se egli non rinuncia alla sensazione visiva, gettando un ponte tra l’immediatezza impressionista e la struttura cartesiana del paesaggio; e a tale proposito scrive che “bisogna trattare la natura secondo il cilindro, la sfera, il cono, il tutto messo in prospettiva”, anticipando le ricerche cubiste. Nella “Montagna di Sainte-Victoire” Cézanne dimostra che è lo sguardo a determinare e strutturare il pensiero della natura. Con Van Gogh, il calvario dell’artista che si sente escluso dalla società condurrà sino alle radici dell’Espressionismo. Antonin Artaud, a proposito dello sguardo tragico sulla realtà del visionario folle rinchiuso ad Arles, scrive: “Non è delirio passeggiare di notte con dodici candele piantate su un cappello per dipingere un paesaggio dal vero”. Infatti non è delirio l’accostamento stridente dei colori agli stati d’angoscia dell’artista, ma una proposta di arte-azione; un atto estremo di passione per la vita che si sublima nella morte. Nelle opere di Vincent, la notte diventa il tema dell’inatteso: è il presagio, l’incubo della morte, e il paesaggio configura gli aspetti prismatici delle emozioni, delle ansie di vita. La sua materia pittorica striata e vibrante diventa autoreferenziale, esasperata, e il suo paesaggio non copia la natura, ma “è” Van Gogh. Dal 1910 Kandinskij, tralasciato il suo passato figurativo, volta pagina. L’artista, d’un tratto, abbandona il “mestiere” e torna ai ghirigori infantili, alle macchie di colore, ai punti, alle linee e ai contorni per definire superfici dell’immaginario. La sua pittura è suggerita da impulsi profondi (intanto Freud teorizzava l’inconscio e le azioni guidate dalle pulsioni), che l’artista traduce in visualizzazioni di sensazioni tattili, evocando non immagini ma segni, che possono sommarsi o sottrarsi, estendersi o stringersi in tracce di colore: tutto dipende dagli impulsi e dall’energia che li determina. La casualità, la gestualità, il primitivismo, l’apriorismo della sensazione sulla razionalizzazione, anticipano la pittura d’azione americana di Pollock. Dal 1945 in poi è davvero arduo definire il paesaggio in arte, che è sempre più soggettivo, all’insegna dell’innovazione e della provocazione. Con la Land art è marchiato dalle opere, i fotografi lo decontestualizzano; è lo spazio dell’astrazione.

Per gli autori contemporanei, può essere impulsivo, sfuggente, iperrealista, impossibile da sistematizzare. Nell’arte del presente il paesaggio è un linguaggio della metamorfosi: è una foresta segnica di luoghi ibridi, artificiali, sempre iperconcettuali; anche quelli apparentemente naturali evocano in fondo paesaggi possibili. La domanda è: quale paesaggio diventa immagine che coglie le mutazioni della natura, dell’ambiente, del territorio in un’epoca in cui l’uomo ha perduto i contatti diretti con il suo habitat naturale preferendo la sua simulazione? La risposta è negli sguardi di artisti che trasfigurano paesaggi credibili ma spaesanti, oscillando tra il mondo organico e quello virtuale, tra il naturale e l’artificiale, filtrati dal distacco critico dai luoghi di appartenenza come etnologi di una naturalità perduta.

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dominatrici mondiali della pittura. Debora Hirsch racconta le sue opere

Capire Giorgio de Chirico – I passaggi essenziali per spiegare il suo mondo