Home / Stile arte Brescia / Paolo Buzi, l’elegantissimo elogio delle parole
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nella pagina opere di Paolo Buzi
Nella pagina opere di Paolo Buzi

Paolo Buzi, l’elegantissimo elogio delle parole

“Elogio delle parole” è il titolo della mostra delle opere di Paolo Buzi. Un viaggio, tra parole e immagini, attorno al libro come contenitore dell’infinito.La mostra, proposta dall’associazione culturale Brescia CittàGrande, si svolgerà contemporaneamente presso la Biblioteca Queriniana di  via Mazzini 1 e la Sala Civica Santi Filippo e Giacomo di via Battaglie 61/1 dal 22 Ottobre al 5 Novembre 2013, con il patrocinio dell’Ass. Cultura del Comune di Brescia e della Biblioteca Queriniana.
L’inaugurazione si terrà presso la Sala Filippo e Giacomo alle ore 18,30 di oggi martedì 22 ottobre, per motivi.
Nella pagina opere di Paolo Buzi

Nella pagina opere di Paolo Buzi

“Elogio delle parole” è il titolo del volume n° 32 nella Collana “Memorie d’Artista” dell’editore Roberto Peccolo di Livorno. “Il libro, mio nel testo e nelle tredici tavole grafiche, è in fase di stampa e sarà presentato, spero, un giorno non ancora precisato compreso nelle due settimane della rassegna – dice lo scrittore artista –
Nelle tredici tavole il disegno è asservito alle parole (per meglio dire, ai loro pensieri) di altrettanti autori, critici, storici dell’arte. Un tema è senz’altro il senso delle cose: senso nelle sue accezioni di ragione, percezione, sensibilità”.


 Ecco un breve estratto del libro: “Senza rinunciare alla leggerezza miracolosa della distrazione, ho letto un numero imprecisato di pagine scritte da penne autorevoli; le loro parole talvolta sono più belle delle opere che commentano. Sicché, nel risalire il tempo fino al mio, ho pensato progressivamente all’importanza di raccontare un’opera d’arte e all’indissolubilità tra questa e il suo racconto.Non sapevo in cosa dovesse sfociare. Quello che di più certo si annunciava era un sodalizio tra parole e segni. Questi ultimi, asserviti alle prime, avrebbero composto una critica priva di giudizio ed arredato un luogo dove le parole potessero appoggiarsi, o distendersi, quindi restare sole.”

“La mostra – afferma Buzi – era nata solo per la Biblioteca Queriniana, dove esporrò poche opere, di piccole dimensioni ma molto elaborate, le cui “letterature” (Lisia, orazione contro Eratostene – Beardsley, il demone di Socrate e la Salomé di Wilde – carte nautiche – carte da gioco) consentiranno alla stessa istituzione culturale di esporre testi preziosi che fanno parte del suo/nostro patrimonio, attinenti ai contenuti delle opere esposte e certamente ignoti al pubblico. La sala Filippo e Giacomo si è aggiunta successivamente. Qui ho perciò deciso di esporre un’antologia di pezzi, a partire più o meno dagli anni Ottanta ad oggi, che avessero però rigorosamente a che vedere con la parola: non altri”

buzi

Inaugurazione alla Sala Santi Filippo e Giacomo, via Battaglie 61/1, Brescia, alle ore 18,30 di martedì 22 ottobre
La mostra, che durerà fino al 5 novembre incluso, si svolge contemporaneamente in Biblioteca Queriniana con pochi pezzi eseguiti tra il 2012 e il 2013 esposti dallo scalone all’atrio antistante le sale di lettura.

 

x

Ti potrebbe interessare

Claudio Filippini, l’essenza delle cose

Il volto del disegno trovato a Milano avvicinato a quello del vecchio soldato della Conversione di Saulo, mostra una stupefacente somiglianza. Altri cento disegni trovano riscontro, secondo la tesi di Curuz e Conconi, in 84 opere della maturità

Giovane Caravaggio, ecco i cento disegni ritrovati. E le ragioni della fondatezza della scoperta