Home / Divina Commedia nell'arte / Paolo e Francesca: nel futurista Boccioni i corpi diventano fuoco ed elettricità
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Paolo e Francesca: nel futurista Boccioni i corpi diventano fuoco ed elettricità

L’eros come nozze chimiche, come accensione elettrica. Umberto Boccioni, realizzando Il Sogno o Paolo e Francesca (1908-9), si colloca già pienamente in una dimensione futurista, riducendo la parte descrittiva dell’episodio e trasformando l’abbraccio in una fonte di calore e di energia, una sorta di lux eterna.

I due amanti danteschi divennero protagonisti della pittura soltanto nell’Ottocento. Le diverse rappresentazioni dimostrano il mutamento del costume e del senso comune dell’amore. Fino a giungere all’eros-energia elettrica di Umberto Boccioni

Qui L’ARTICOLO Lo specchio di Paolo e Francesca

Umberto Boccioni, Paolo e Francesca (1908-9)

Umberto Boccioni, Paolo e Francesca (1908-9)

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le dominatrici mondiali della pittura. Debora Hirsch racconta le sue opere

5 cose da sapere su Perugino