Home / News / Parigi e il Post-impressionismo in mostra a Bergamo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Gabriel Biessy (1854 - 1935), Cielo rosso, 1915 ca. olio su tela
Gabriel Biessy (1854 - 1935), Cielo rosso, 1915 ca. olio su tela

Parigi e il Post-impressionismo in mostra a Bergamo

Il Post-impressionismo non è un movimento vero e proprio e la definizione viene usata convenzionalmente per indicare le numerose esperienze pittoriche che nacquero e si svilupparono in Francia dopo l’Impressionismo.


Il termine fu coniato dal critico d’arte Roger Fry in occasione di una manifestazione pittorica svoltasi a Londra nel 1910, nella quale vennero esposte opere di Paul Gauguin, Paul Cézanne e Vincent Van Gogh.

Nelle opere Post-impressioniste si colgono gli stilemi tipici dell’Impressionismo, caratterizzati da toni chiari e da pennellate veloci, mescolati alle nuove tecniche. Il confine tra le due tendenze è a volte molto sottile, perché ogni artista si regola esclusivamente seguendo la sua personale inclinazione, con la voglia di infondere nella pittura un senso di modernità.

 

Gabriel Biessy (1854 - 1935), Cielo rosso, 1915 ca. olio su tela

Gabriel Biessy (1854 – 1935), Cielo rosso, 1915 ca. olio su tela

Nella sua breve esistenza, la corrente Impressionista aveva compiuto una rivoluzione nella storia dell’arte, fornendo un comune punto di partenza tecnica per gli artisti Post-Impressionisti i quali, come gli  Impressionisti, credevano nella necessità di rispettare la verità e d’essere fedeli alla natura.
La Galleria Michelangelo propone una serie di opere selezionate con cura, in un panorama vasto e ricco di suggestioni, nelle quali si evidenziano l’esemplare bellezza e la riconosciuta validità.
Una generazione di artisti che hanno condiviso la formazione di un nuovo linguaggio plastico, contribuendo a quelle forme d’avanguardia che, pur presentando elementi comuni alla pittura europea dei primi decenni del XX secolo, rendono originale e feconda l’arte del periodo.

ARTISTI IN MOSTRA:
L. Anquetin –  E. Bernard  –  G. Biessy  –   J.E. Blanche  –   G. D’Espagnat  –  P. Dumont  –   E.O. Friesz  –  G. Loiseau  –  H. Manguin  –  H. Petitjean  –  J. Puy  –   S. Valadon  –   A. Wilder

Artisti a Parigi. Le ricerche pittoriche nel Post-impressionismo.  1890 – 1920
Dal 17.12. 2013 al 31. 01. 2014

Orario: da martedì a sabato  9.30-12.30 / 16.00-19.30

galleria michelangelo srl
24122 Bergamo, via Broseta, 15 – tel. e fax: 035 221300
www.galleriamichelangelo.it / info@galleriamichelangelo.it

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica