Home / News / Pattini e ghiaccio nella pittura fiamminga e olandese – Il filmato
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pattini e ghiaccio nella pittura fiamminga e olandese – Il filmato

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995



Nelle immagini in pagina opere di Bruegel il vecchi, risalenti al 1565

bruegel

bruegel pieter

Straordinario,semplice e rapidissimo mezzo per garantire un’agevole corsa sul ghiaccio,, i pattini si presentarono come evoluzione dei bastoni o delle barre di ferro che venivano apposte sotto i carri per garantire i trasporti fluviali, sui canali ghiacciati, nel Paesi del Nord, durante la lunga stagione invernale. Già nel medioevo, in dipinti e incisioni, li vediamo indossati da tutta la popolazione, sia come strumento di spostamento rapido che come dotazione di gioco o di gara. Non può sfuggirci dal ricordo, l’ampia distesa d’acqua ghiacciata che in un celeberrimo quadro di Bruegel, si profila alla distanza, pullulante di pattinatori, mentre, in primo piano, il pittore coglie i cacciatori al rientro dalla battuta venatoria. Nè noi, antichi lettori, possiamo dimenticare, osservando queste immagini, le deliziose pagine di “Pattini d’argento”


 

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista