Home / News / Perché quest’opera è definita “Quadro delle tre mani”? Scoprilo nell’articolo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

ceranoape

Perché quest’opera è definita “Quadro delle tre mani”? Scoprilo nell’articolo


La tela raffigura il “Martirio delle sante Rufina e Seconda”, ed è meglio conosciuta come il “Quadro delle tre mani” perché compiuta oltre che dal Cerano, da Giulio Cesare Procaccini e dal Morazzone, due degli interpreti più raffinati dell’ambiente lombardo del primo Seicento.

Un’occasione utile, quasi un compendio, voluto dal raffinato committente, Scipione Tosi, per mettere alla prova sullo stesso campo tre diversissimi modi di interpretare la pittura e la società al tempo dei Borromeo.

“Martirio delle sante Rufina e Seconda”, meglio conosciuto come il “Quadro delle tre mani”

“Martirio delle sante Rufina e Seconda”, meglio conosciuto come il “Quadro delle tre mani”

x

Ti potrebbe interessare

Fortunato Depero, La casa del mago, olio su tela, cm 150 x 260. © Eredi Depero

Depero, il mago che precedette Warhol. Capiscilo subito, poi approfondisci

zinn

Le spettacolari anamorfosi di David Zinn. Qui il video