Home / News / Francis Picabia quotazioni gratis
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francis Picabia quotazioni gratis

Picabia prezzi, costi, valore, aste, stime, valutazioni, risultati d’asta gratis.

Picabia copertina

 

Francis- Marie Martinez Picabia nasce il 22 gennaio 1879 a Parigi e muore nel 1953 nella stessa città. Nell’ambito del Novecento egli appare come uno dei grandi punti di riferimento del rinnovamento delle arti, operando tra il movimento  Dada e Surrealisti. Sua madre morì quando aveva sette anni . Appartenente a una famiglia dell’alta borghesia, venne formato al Marist College Stanislas e al Lycée Monge a Parigi . Nel 1894 , il padre,  volendo testare la evidente, precoce inclinazione pittorica manifestata dal ragazzo quindicenne, invia al Salon degli artisti francesi, una Veduta di Martigues . L’opera non solo è accettata , ma risulta vincente. Per Francesco si apre immediatamente una strada importante. l’entrata  alla Scuola di Arti Decorative, l’ Ecole du Louvre e l’ Académie Humbert , dove ha lavorato a fianco di Georges Braque e Marie Laurencin . L’anno 1897 segna una svolta nella sua carriera: esplora l’impressionismo di Alfred Sisley e di Pissarro. E’,  per lui, l’inizio di un periodo estremamente fecondo, pur nella tradizione, , che durerà dieci anni , con la produzione di centinaia di quadri. La prima mostra personale nel 1905 , alla galleria Haussmann , è un trionfo . Tuttavia , Picabia capisce che la pittura d’impressione è un binario morto e  gradualmente abbandona l’interesse preponderante per la luce  con il fine di recuperare valori plastici che gli permettono di riscuotere un crescente successo. Nel 1908 incontra Gabrièle Buffet – che lo ha incoraggia a continuare il lavoro sulla forma -; a questo punto avviene  la rottura con le sue radici impressioniste. Il suo acquerello del 1909  è considerato uno dei punti di avvio dell’arte astratta.

picabia

Divenuto maggiorenne,  prende possesso dell’eredità materna che gli garantisce un reddito importante .
Nel 1909 , sposa Gabrièle Buffet , forse pronipote di Alphonse de Lamartine e nipote dell’ammiraglio Challie .
Nel 1911 entra a far parte del Gruppo Puteaux, avvicinato nel corso delle sue frequentazioni dello studio del pittore Jacques Villon , fratello di Marcel Duchamp che ha incontrato nel 1910 . La porta del successo della sua pittura innovativa si apre nel corso della mostra all’Armory Show di New York, nel 1913 , città nella quale fonda, con Marcel Duchamp e Man Ray, la rivista 291 . Recuperando il concetto di ready made di Marcel Duchamp , nel 1913  produce una serie di opere nelle quali si assiste al pieno recupero dell’estetica del design industriale o del disegno scientifico.

Dal 1913-1915 Picabia si reca a New York diverse volte per restare parte attiva della  avanguardia. Nel 1916 , dopo una serie di composizioni ” meccanicistiche “, in cui egli tratta con ironia il mondo degli oggetti di produzione industriale, cerca strade espressive nuove e si impegna con crescente vigore nell’osservazione del Dadaismo. Incontra Tristan Tzara e il gruppo Dada a Zurigo nel 1918, ma la ricerca dei colleghi, in alcuni casi troppo fredda per l’artista, lo induce a raccogliere alcune suggestioni dadaiste e a condividerle con André Breton, in una più costruttiva direzione surrealista.  Polemista , iconoclasta , ateo , Picabia si muove attorno al concetto degli  elettroni liberi , essendo in linea di principio anti- tutto, anche anti- Picabia . Nel 1921 , rompe i rapporti con l’avanguardia militante.  Ha una passione sfrenata per le auto e per il gioco d’azzardo; un amore infinito per il cinema e per la fotografia. Nel 1924, scrive la sceneggiatura per il cortometraggio Entr’acte , diretto da René Clair.

Dopo il 1945 , torna all’astrazione . Il suo gusto eccessivo per  le auto ( ne raccoglie più di 150) , ne segna  la rovina . Moltiplica allora, per far fronte ai debiti, le piccole tele, affrontando molti generi , tra i quali la pornografia. I suoi ultimi dipinti sono segnati dal minimalismo: punti di colore sparsi su sfondi densi e monocromi , dal titolo Non voglio dipingere , Quale prezzo , Pittura senza scopo o Silenzio …. Nella primavera del 1949 la Galerie René Drouin a Parigi , organizza la sua prima retrospettiva . Alla fine del 1951 , Picabia subisce una arteriosclerosi paralizzante e muore due anni dopo .

IL VIDEO FILMATO, UN VIAGGIO TRA LE OPERE DI PICABIA

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI PICABIA CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.


www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=picabia
http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=francis%20picabia

 

 

 SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI AL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico