Home / News / Piero della Francesca – I paesaggi svelati alle spalle di Federico di Montefeltro
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Piero della Francesca – I paesaggi svelati alle spalle di Federico di Montefeltro

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995 

Piero della Francesca, Federico da Montefeltro.

Piero della Francesca, Federico da Montefeltro.

Sovrapposizione del ritratto del duca con la fotografia panoramica della vallata del Metauro

Sovrapposizione del ritratto del duca con la fotografia panoramica della vallata del Metauro

Paesaggi immaginari? Paesaggi simbolici? Ma quando mai. Un appassionante libro – scritto come fosse un romanzo – ribalta un’opinione consolidata. A far da fondale a scene e ritratti dipinti da Piero della Francesca sono angoli precisi del Montefeltro, perfettamente riconoscibili ancor oggi a distanza di secoli.

La tesi è sostenuta nel volume Il paesaggio invisibile (Il lavoro editoriale, 144 pagine) da Rosetta Borchia ed Olivia Nesci – fotografa e videomaker la prima, geomorfologa dell’Università di Urbino la seconda -, che per un anno hanno scandagliato colline e vallate feltresche alla ricerca dei luoghi esatti riprodotti dal grande maestro per le sue celebri opere.

Nata per caso – da un ingrandimento fotografico che ha suggerito a Borchia una singolare somiglianza con gli sfondi del Dittico dei Duchi degli Uffizi -, l’avventura ha preso presto le caratteristiche di un’accurata indagine scientifica. Non solo interminabili scarpinate su e giù per le alture marchigiane, dunque, ma laboriose analisi al computer e studi storici ed ambientali, per verificare quelle che potevano essere congetture – per quanto intriganti – e nulla più, alla luce dell’evoluzione del territorio.

Un altro particolare dell’opera di Piero della Francesca raffrontato alla fotografia del monte Fronzoso  

Un altro particolare dell’opera di Piero della Francesca raffrontato alla fotografia del monte Fronzoso

Federico da Montefeltro, particolare messo a confronto con l’immagine fotografica della rocca del Peglio

Federico da Montefeltro, particolare messo a confronto con l’immagine fotografica della rocca del Peglio

Dettaglio di Federico da Montefeltro e, sotto, lo scorcio di paesaggio attuale con il viale alberato che porta ad Urbania. Secondo Rosetta Borchia ed Olivia Nesci, tale scorcio corrisponde a quello dipinto da Piero

Dettaglio di Federico da Montefeltro e, sotto, lo scorcio di paesaggio attuale con il viale alberato che porta ad Urbania. Secondo Rosetta Borchia ed Olivia Nesci, tale scorcio corrisponde a quello dipinto da Piero

Si prenda, ad esempio, il paesaggio alle spalle del ritratto di Federico da Montefeltro. Sullo sfondo, Piero della Francesca avrebbe riprodotto il Barco di Urbania, con il monte Fronzoso, mentre la vallata intorno sarebbe quella del Metauro. L’identificazione preliminare sulla base della coincidenza dei profili è stata confermata dall’individuazione dell’esatto punto di osservazione scelto dall’artista. La ricostruzione dei mutamenti morfologici della zona ha consentito di ridisegnare con precisione il panorama come era apparso all’occhio di Piero, “cancellando” le variazioni successive determinate da eventi naturali o dalla mano dell’uomo.

Così il lago, su cui veleggiano placide due barchette, che vediamo nella parte sinistra del dipinto altro non sarebbe che l’odierno Metauro. All’epoca, infatti, spiega Olivia Nesci, “il Metauro era notevolmente più esteso, le sue sponde arrivavano ad allargarsi fino a mille e più metri. In seguito il fiume ha subito diverse fasi di erosione e deposizione che l’hanno portato alle attuali quote”, anche a causa di interventi umani. La studiosa ha potuto dimostrare l’esistenza del “lago” attraverso sondaggi geognostici che hanno rilevato i dati del sottosuolo e che sono stati incrociati con le analisi geomorfologiche.

Gli stessi meticolosi procedimenti sono stati adottati per le altre scoperte, relative sempre a noti capolavori di Piero, come i Trionfi ed il San Gerolamo delle Gallerie dell’Accademia. Tenendo a battesimo una nuova, affascinante disciplina: il landscape busting, che non mancherà, c’è da scommetterci, di offrire anche in futuro il proprio prezioso contributo agli storici dell’arte.

 

Valle sul metauro-area sinistra

Valle sul metauro-area sinistra

 

 

 

Valle fiume metauro-area destra

Valle fiume metauro-area destra

 

LA CURIOSITA’. PERCHE’ FEDERICO DI MONTEFELTRO AVEVA QUEL NASO? CLICCA QUI SOTTO, SUL NOSTRO LINK INTERNO

www.stilearte.it/federico-da-montefeltro-luomo-che-invento-la-rinoplastica/

 

x

Ti potrebbe interessare

musei gratis domenica

Musei gratis il 4 dicembre. Qui l’elenco completo Italia. #DomenicalMuseo

a dylan

Avete mai visto i quadri dipinti da Bob Dylan? In 3 minuti guardate qui la sua antologia pittorica