Home / News / Piero Guccione racconta se stesso: l’intervista
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Piero Guccione racconta se stesso: l’intervista


Piero Guccione, “Magico incanto! Perfido errore! (per Tristano e Isotta)”, pastello, 1998

Piero Guccione, “Magico incanto! Perfido errore! (per Tristano e Isotta)”, pastello, 1998

Guccione, lei ha più volte ribadito il proprio bisogno di sostare sul tema, “di rimanervi sopra per anni, per indagarne il senso profondo”. E’ stato fatto, per ciò, il riferimento a Giorgio Morandi. Sì, per me questa è una necessità. Non per analogia con Morandi: è così, evidentemente. Sarebbe inutile cercarne le motivazioni in riflessioni filosofiche; né va legata al problema della pittura, od altro. E’, appunto, un bisogno: il bisogno interno di appropriarsi di ciò che si dipinge. Difficile esprimere un giudizio. Ricordo che, diversi anni fa, quando ancora non avevo scelto di tornare a vivere in Sicilia, i miei quadri facevano la spola tra Roma, dove stavo, e l’isola. Spesso erano tele di grandi dimensioni: le caricavo sulla mia auto, e via, su e giù tra la Sicilia e la capitale. C’era l’esigenza continua di vedere e rivedere, di verificare il soggetto, la luce che quel soggetto illuminava…

I suoi dipinti sono insieme silenzio e vibrazione, ombra e luce. Sono verità e visione. Ecco, forse è questa la risposta vera alla sua prima domanda. A parte la necessità di constatare la sostanza visiva, c’è quel tanto di ricerca inconscia che interviene a procrastinare la conclusione dell’opera.

Una sua mostra aveva per titolo – un titolo mutuato da Borges – “Grande elogio dell’ombra”. L’importanza dell’ombra, nel suo lavoro, va letta pure in chiave metaforica? L’ombra, innanzitutto, è importante come valore plastico. Anche se ritengo che una delle sfide assolute, in pittura, sia quella di fare luce su luce, di giungere all’assenza dell’ombra… ma questa è, appunto, una sfida. E’ vero comunque che l’ombra è altresì latrice di un connotato metaforico: l’idea stessa della morte.

“Studio per il Maggio musicale”, pastello, 2004

“Studio per il Maggio musicale”, pastello, 2004

Ciò vale anche per la luce? Ossia: per lei la luce è rivelazione, bagliore epifanico? Per me questo non è fondamentale. Fondamentale è avvicinarmi il più possibile alla luce reale. Come per l’ombra, così per la luce, è la struttura plastica che mi affascina.

Secondo Aristotele, il dolore e la meraviglia sono all’origine della filosofia. “Figuriamoci per la pittura”, ha commentato lei in un’occasione. L’intuizione di Aristotele è meravigliosa. E’ vero, i due elementi sono decisivi, pure in ambito pittorico. La pittura per me è proprio una commistione di meraviglia e di dolore. Certo, i miei temi non sono abitualmente dolorosi, ma, nell’intimo, io sento agitarsi percezioni di questa natura. E la meraviglia è la meraviglia dell’occhio, che consente di esaltare tutto ciò che il pittore intende trasferire alla tela.

Possiamo parlare, a proposito dell’arte di Guccione, di spiritualità? E’ una considerazione che non faccio mai mentre dipingo. Almeno non esplicitamente, non intenzionalmente. La spiritualità, se c’è, viene fuori, credo, attraverso la fatica del lavoro pittorico. Non è un progetto, insomma. Un distillato, forse sì.

“Figure per il Teatro Garibaldi”, pastello su carta, 1999

“Figure per il Teatro Garibaldi”, pastello su carta, 1999

Maurizio Calvesi ha definito la sua produzione come conciliazione “miracolosa” tra sentimento moderno e corso eterno dell’arte. E’ d’accordo con lui? Neppure questo appartiene ad un progetto preciso. Ogni gesto creativo ha presupposti diversi, e peculiari. Se sono colpito in modo particolare da un’immagine di Raffaello, o di Carracci, ecco, allora la “macchina” si mette in moto. Evidentemente ci sono già, in me, tutti i sottintesi per un’opera non di ricalco, o di variazione, ma di reinvenzione. Su tale base deve poi scattare la scintilla della passione, dell’emozione.

Ho letto una considerazione molto interessante su di lei. Tiziano – si affermava – in età tarda inceneriva il colore, frantumava la perfezione formale. Goya rendeva ancor più combusta la sua visione infiammata. Guccione, invece, col tempo si va affinando sino all’estenuazione, le vibrazioni si fanno sempre più sottili, “lame che scendono al cuore”. Tiziano è – in senso temporale, sia chiaro – lontano dalla modernità. E’ vero che la sua parabola lo porta, negli ultimi anni, a distruggere la forma. E’ vero anche che Goya appartiene ad un’epoca che si stava avvicinando alla combustione. Noi, però, nella combustione ci stiamo da parecchio. Gli artisti della mia generazione non possono prescindere da quella sorta di tabula rasa creata tra fine Ottocento e inizio Novecento, a quel tentativo di ridurre la realtà visibile ad una piattezza assolutamente priva di rilievi. A noi è spettato il compito di ricostruire: di ritrovare, dopo la combustione, il senso della speranza.

Bellezza e angoscia per la perdita della bellezza stessa. C’è questo nelle sue opere? I tempi attuali certo non inducono alla bellezza. Kundera sosteneva che siamo entrati nell’era della bruttezza totale. Ciò vale pure per l’arte: oggi nell’arte si privilegiano la bruttezza, l’arroganza, l’orrore persino. Io cerco, pervicacemente, di dipingere la bellezza: e non mi importa nulla di essere moderno o no. Essere giudicato non in linea con la modernità mi è indifferente. Credo nella bellezza: anche se oggi sembra difficile dar ragione a Dostoevskij, laddove scriveva che “la bellezza salverà il mondo”.

(enrico giustacchini)


Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Giovani donne, fiori, giardini, bambini. I quadri di Courtney Curran. Il video

Beth Moon, le fotografie degli alberi monumentali più vecchi del mondo. Il video