Home / Impressionismo / Pierre-Auguste Renoir, qui filmato autentico. Così dipingeva vincendo la malattia che gli torceva le mani
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pierre-Auguste Renoir, qui filmato autentico. Così dipingeva vincendo la malattia che gli torceva le mani

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

La violenta artrite deformante che colpì Pierre-Auguste Renoir (1841-1919). in tarda età non gli impedì l’esercizio artistico né la realizzazione grandi e importanti dipinti come Le bagnanti, ultimo canto monumentale alla donna, al nudo femminile, al corpo dell’altra metà del cielo dal quale egli coglieva l’inesausta forza della vita. Attorto dalla malattia, dimagrito spaventosamente, negli ultimi anni di vita il pittore chiedeva di essere sollevato dal letto e portato in braccio fino alla sedia che stava davanti al cavalletto, nella sua casa provenzale. Era davvero circondato da affetti autentici che supplivano le funzioni limitate del suo corpo o totalmente cancellate dalla malattia.


La sua forza di volontà era incrollabile. Il suo amore per i colori, che gli erano entrati nella pelle, nella cittadina natale, Limos, noto centro di produzione e di decorazoine della ceramica, non poteva essere limitato. E anzi. Diveniva un incontro vivificante. A causa del progredire del male, con il passare del tempo Renoir fu costretto a chiedere ai famigliari che gli legassero  i pennelli ai polsi, poichè le mani erano piegate in se stesse e attorte al punto che non erano in grado di afferrare o reggere nessuna cosa. Ecco, allora, all’more per la vita, lo slancio vitale di Bergson e di Matisse.  Quello che egli aveva trasfuso sul segmento del presente, con gioia nei confronti del mondo,quand’era giovane, e quello che egli non abbandonava nemmeno nell’apparente oscurità degli ultimi tempi. Il filmato che presentiamo è un documento straordinario. Per la pittura e per il mondo. Dimostra l’amore per la vita da parte del saggio, che non bestemmia nei confronti dell’oscurità ma riassapora, come pura grazia, i colori che gli sono stati concessi durante il transito terreno.Questo filmato unico, fu prodotto nel 1915 nella casa provenzale del pittore. Accanto a sè, con amore e preoccupata dedizione, l’artista, come vedremo nel filmato,  ha il conforto del figlio minore, Claude di 14 anni, che organizza la tavolozza e pone il pennello nelle mani del padre;  nei fotogrammi appare anche Sacha Guitry, autore delle riprese, seduto, Renoir.

 

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista