Home / Arte contemporanea / Pierrette Bloch, l’artista che dipingeva lo scorrere sinuoso del tempo. La storia, il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pierrette Bloch, l’artista che dipingeva lo scorrere sinuoso del tempo. La storia, il video

a brocante 1

VUOI FAR VALUTARE GRATUITAMENTE, AI CORRENTI PREZZI DI MERCATO,
DA UN POOL DI ESPERTI, QUADRI, STAMPE, OGGETTI D’ANTIQUARIATO, DI MODERNARIATO, TAPPETI, MONETE ECC? TUTTE LE CATEGORIE SOTTOPOSTE A VALUTAZIONE GRATUITA SONO NELLA FOTO QUI SOTTO. NON E’ NECESSARIO AVERE CAPOLAVORI. OD OPERE SUPER-FIRMATE

a cata 1

ACCEDI, SENZA IMPEGNO ALCUNO, AL SERVIZIO GRATUITO DI VALUTAZIONE OFFERTO DA CATAWIKI, NOSTRO PARTNER TECNICO, CLICCANDO SUL LINK QUI DI SEGUITO, QUELLO COLOR ARANCIONE. ACCEDERAI ALLA PAGINA DEDICATA.
TI DIRANNO IL VALORE DELL’OPERA E DEGLI OGGETTI E, SE POI, VORRAI VENDERE, POTRAI FARLO ANCHE ATTRAVERSO LO STESSO SERVIZIO OFFERTO DALLA CASA D’ASTE EUROPEA, FONDATA IN OLANDA, CHE HA MILIONI DI CLIENTI IN TUTTO IL MONDO. OPPURE COMPIERE LA TUA SCELTA LIBERA. NON CI SONO VINCOLI. E TUTTO AVVERRA’ NELLA COMPLETA TUTELA DELLA TUA PRIVACY. IL LINK SERVIZIO GRATUITO VALUTAZIONE. ECCOLO:  www.catawiki.it/stilearte-valutazioni

xxxxx
a bloch copertina
Monasticamente – come astrattista – Pierrette Bloch – Parigi, 16 giugno 1928-7 luglio 2017 – visse tra le sue linee, in bianco e nero. Diede un grande ritmo alle sue tele e alle sue carte, lavorando soventemente con un pastello ad olio, bianco, – con qualche piccolo intervento di pastello secco – che le consentiva di seguire il ritmo sinusoidale del cuore. Il pastello ad olio era questo: scioltezza nel movimento, che un pennello non avrebbe mai potuto dare. Enormi spartiti senza pentagrammi, in cui punti e linee ricurve, sciolte e torte come un filo di lana recuperato progressivamente da un vecchio maglione. Ciò che pulsa è il cuore, le cui contrazioni si estendono ai muscoli del braccio, giungono allo snodo del polso, per farsi linea ascendente e discendente, dopo la curva di un un occhiello. Ma la sua ricerca fu vasta. Giunse a realizzare opere utilizzando capelli, tutti annodati, così da formare linee. Sperimentò bitumi e inchiostri. Il nero è scrittura. E’ segno, è suono. E non si discostò dal rapporto tra il femminile e il punto della maglia, come altro nucleo fondamentale in cui si concentra un mondo intero. Pierrette Bloch sentiva se stessa e l’umanità intera, come un metronomo. Del resto il cuore segna il tempo. E il minuto secondo non è poi distante, a livello di composizione della sequenza di pieni e di vuoti, dal battito cardiaco. E’ insomma il cuore,che s’accorda con il movimento del sole e con l’universo, a dettare la scansione del tempo, tempo e cuore sui quali nasce la musica.
E lei, come una delle tre parche – come la Parca Lachesi che allunga il filo della vita, sottraendolo, per un po’ alla sorella che lo dipana e alla sorella che lo taglia – lo srotolava all’infinito. Dal 1947 al 1948, Pierrette Bloch – di origine svizzera e di ceppo ebraico – ha studiato con Henri Goetz e Andrew Lhote. Poi fece amicizia con Colette e Pierre Soulages. Fu proprio il suo incontro con il pittore di astrazione e di nero-luce, Pierre Soulages, avvenuto nel 1949, a lasciarle un segno indelebile, attorno al quale avrebbe costruito la propria espressione linguistica. Nel 1951, le sue prime mostre personali, a Parigi negli Stati Uniti, dove esporrà diverse volte. Inchiostri, crini, ritocchi con pennelli e acrilici sostituiscono progressivamente i collage d’avanguardai che costituiscono tra le principale esperienze dei primi anni di lavoro.
Nel 2005 a Pierrette Bloch è stato assegnato il premio Maratier, alla carriera. “Per tutta la vita, ho cercato di disegnare il tempo …” diceva. Un “lavoro silenzioso e modesto, fatto tre volte di nulla”, ha scritto l’artista minimalista Michel Parmentier (1938-2000).


 

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

a vermeer conpertina

La sorellina della Ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer. Sosia o stessa modella?

a volti

Siamo tutti opere d’arte. I nostri volti prima e dopo il restauro. Il video sorprendente